12 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 06:11:00

Cronaca

“Bilancio prova del fallimento”

Giampaolo Vietri di Forza Italia all’attacco del Comune. “A Taranto situazione difficilissima. E resta ancora da sciogliere il nodo Amiu”


“Il bilancio di previsione per il 2015 redatto dal Comune rappresenta la prova evidente del disastro amministrativo che attraversa la città di Taranto. Non può, infatti, sfuggire che il centro sinistra tutto, dopo anni di governo della città, invece che programmare una politica economica finanziaria adeguata, presenti nuovamente un bilancio che si caratterizza per uscite certe ed entrate incerte”.

E’ quanto dichiara Giampaolo Vietri, consigliere comunale di Taranto di Forza Italia.

“Vi è  palese certificazione di ciò all’interno della relazione dei revisori dei conti che rilevano previsioni di entrate dubbie che non potranno verificarsi se si raffrontano con la capacità di riscossione dell’ente registrata negli anni pregressi. Tale conclusione a cui giungono i revisori descrive in tutta evidenza un bilancio non veritiero che necessita di risorse certe, al fine di evitare squilibri nell’esercizio di competenza tra i flussi in entrata e quelli d’uscita e quindi per scongiurare un vero e proprio dissesto. La soluzione ultima a questo disastro non potrà che essere per il comune l’ulteriore taglio delle risorse alle direzioni e ciò non potrà che mettere a dura prova la macchina amministrativa già in sofferenza nel garantire le attività ordinarie a causa di inadeguate risorse umane, strumentali ed economiche; senza contare l’impossibilità per l’ente di investire in politiche strategiche per il rilancio della città.

A tutto ciò si aggiunge la ormai grave situazione dell’Amiu la quale ha presentato un piano economico i cui costi, per essere ricoperti integralmente dalle relative entrate tributarie come previsto per legge, comporterebbero l’aumento di ulteriori 5 milioni di euro della tassa sui rifiuti, facendo ricadere queste ulteriori spese sulle tasche dei cittadini.
Una tale situazione non può, in conclusione, che ritenersi inaccettabile atteso che, dopo oltre otto anni di ininterrotta amministrazione da parte dell’attuale giunta, i cittadini avrebbero dovuto oramai cogliere i giusti frutti per i sacrifici richiesti in questi anni ed, invece, saranno chiamati ad un ulteriore anno di lacrime e sangue con tasse alle stelle ed una città assolutamente invivibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche