Cronaca

Pistola nel negozio, arrestato un noto commerciante

L'operazione condotta dai Falchi della Questura


Aveva nascosto una pistola nel suo negozio: arrestato un commerciante tarantino di trent’anni (di cui non sono state rese note le generalità).

L’operazione condotta dai “falchi” della questura in un esercizio commerciale di Grottaglie è scattata due giorni fa ma la notizia è trapelata solo oggi. Gli agenti in borghese della sezione “Falchi “ della Squadra Mobile sono andati a colpo sicuro perquisendo l’esercizio commerciale. Nel deposito del negozio hanno rinvenuto una pistola calibro 8 a salve, che era stata però modificata e quindi capace di sparare proiettili veri. Hanno anche sequestrato delle munizioni. L’insospettabile commerciante è finito agli arresti domiciliari.

Nelle prossime ore, difeso dagli avvocati Fabrizio Lamanna e Valerio Diomaiuto, sarà interrogato dal giudice delle indagini preliminari che dovrà convalidare il provvedimento restrittitivo.

Purtroppo girano armi anche tra gli incensurati. Nei giorni scorsi, infatti, sempre i “falchi” della Squadra Mobile hanno arrestato una donna che nascondeva una pistola in cucina. Il blitz della Polizia di Stato in un’abitazione di Leporano. Gli agenti nel corso del controllo, alla presenza della donna, hanno rinvenuto in un mobile della cucina un involucro di plastica con all’interno cinquanta grammi di cocaina. Recuperati altre sedici dosi di “polverina bianca” già confezionate e pronte per lo smercio per un peso di 8 grammi.

Nel corso della perquisizione i poliziotti hanno rinvenuto, su un armadio, una pistola a salve modificata marca Kima calibro 8 con il caricatore contenente sei proiettili. Sequestrate altre ventinove cartucce di vario calibro. Infine in un cassetto dell’armadio della camera da letto gli agenti in borghese hanno rinvenuto 2.000 euro in banconote di vario taglio, soldi ritenuti probabile provento dell’attività di spaccio. Gli investigatori stanno indagando per accertare se la donna nascondesse la droga e la pistola per conto di qualcuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche