28 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Settembre 2021 alle 20:59:00

Cronaca

Una “doppietta” rubata nascosta nell’abitazione di un nonnino

Un uomo di 79 anni è finito agli arresti domiciliari


Una “doppietta” rubata era stata nascosta nell’abitazione di un nonnino.

Un pensionato di settantanove anni è finito agli arresti domiciliari perchè trovato in possesso di un fucile e di munizioni rubati più di tre anni fa in provincia di Brindisi. I carabinieri della Stazione di Grottaglie, nel corso di mirati servizi attivati per prevenire e reprimere reati in materia di armi, hanno arrestato V.S., 79enne già noto alle forze dell’ordine  perché ritenuto responsabile di detenzione illegale di arma da fuoco e ricettazione.

I militari, al termine di una attività investigativa, nella tarda serata di ieri hanno eseguito una perquisizione a caccia di armi e munizioni nell’abitazione dell’anziano che era stato indicato come persona in possesso di armi, pur non avendone titolo.

Durante l’operazione, i carabinieri, avvolto in un lenzuolo di colore bianco e ben occultato all’interno di una cassapanca, hanno rinvenuto un fucile calibro 12, marca Beretta, il cui furto era stato denunciato a giugno del 2012 presso la Stazione Carabinieri di San Michele Salentino . Nel corso della accurata  perquisizione, i militari hanno rinvenuto e sequestrato inoltre, nella credenza della cucina  12 cartucce dello stesso calibro. Ora s’indaga per scoprire se l’uomo li nascondesse per conto di altre persone.
Per tali motivo, l’anziano, al termine delle formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti nella sua abitazione, a disposizione del magistrato di turno, la dott.ssa Filly Di Tursi.
La “doppietta” e le munizioni sono stati sequestrati in attesa di essere restituiti al legittimo proprietario, il quale , come detto, risiede a San Michele Salentino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche