Cronaca

Così dobbiamo fare dialisi. Le foto

La testimonianza di un nostro lettore su quanto si vede in ospedale


“La vita improvvisamente puó voltarti le spalle. E’ successo cosí alla mia famiglia, improvvisamente venutasi a trovare di fronte alla malattia, quella di mio padre, che dopo una vita vissuta sempre in discrete condizioni, é stato colpito da insufficenza renale cronica, sottoposto a dialisi”.

E’ quanto racconta un nostro lettore, che ci invia le foto che pubblichiamo. “Da un paio d’anni mio padre si reca tre-quattro volte alla settimana all’ospedale Ss Annunziata per sottoporsi a dialisi, si sa, la sanitá é da sempre in crisi, ma, vedere le condizioni pietose in cui si trova il reparto dialisi é davvero triste. Letti vecchi e arrugginiti, pavimento rotto e sempre bagnato con notevoli rischi per i malati, stanze piccolissime, cavi elettrici a pochi centimetri dai pazienti che fanno la dialisi. Ho anche  parlato qualche responsabile, che in maniera rassegnata, tirando su le spalle, mi ha garantito che si sarebbe fatto il possibile per migliorare le cose, tuttavia, oltre che vedere qualche addetto alle pulizie in piú, per qualche giorno, non é cambiato molto, anzi quasi che la situazione é peggiorata.

Purtoppo chi si trova nelle  condizioni di dover convivere con la malattia in maniera cronica e di essere dipentente da altri, non se la sente di affrontare guerre e battaglie burocratiche, accetta tutto in maniera silenziosa e rassegnata, come sta facendo mio padre e tutti i pazienti dell’unico centro dialisi pubblico della cittá, con amarezza, purtoppo preferisco mantenere l’anonimato, e invito gli organi di stampa, l’assessore regionale alla Salute, e chiunque  potrebbe mettere in dubbio le mie dichiarazioni a verificare personalmente la situazine appena descritta”.

“Mi auguro” è la chiosa del nostro lettore “che le condizioni possano migliorare per tutti coloro i quali vivono la dura realtá della dialisi e le condizioni apprssimative in cui si trova l’ospedale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche