25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 20:54:00

Cronaca

Ora è allarme per l’aumento delle malattie professionali

La Giornata per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro


Domenica 11 ottobre la 65ª edizione della Giornata per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro ha lanciato anche sul nostro territorio un allarme, quello delle parole di Emidio Deandri, presidente territoriale dell’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi sul Lavoro): “in questa giornata noi dell’ANMIL incontriamo in ogni territorio le forze vitali della società per riflettere insieme sulla sicurezza del lavoro. Oggi, in particolare, ci spaventa un dato su tutti: nei primi otto mesi di quest’anno le malattie professionali denunciate all’INAIL nella provincia di Taranto sono state 723, il 4,32% in più rispetto alle stesso periodo dell’anno scorso!”.

Emidio Deandri ha poi spiegato che “nel prossimo futuro, purtroppo, questo dato è destinato a crescere ulteriormente: le denunce presentate all’INAIL ogni anno per malattie correlate all’amianto, per esempio, da alcuni anni stanno aumentando esponenzialmente, e gli esperti affermano che, in relazione ai lunghissimi tempi di latenza di queste patologie che possono manifestarsi e conclamarsi anche dopo decenni dall’incubazione, il “picco” di questo triste fenomeno si dovrebbe manifestare intorno al 2025: prepariamoci ad affrontare una vera e propria emergenza sanitaria e sociale”. “Vi invito a riflettere – ha poi detto Emidio Deandri – su un altro dato di questo triste fenomeno: in Italia ogni giorno muoiono più di quattro persone alle quali l’INAIL aveva riconosciuto laÄ“malattia professionale”, 1.488 solo nel 2014, un numero impressionante, ma che non ha dai media l’attenzione che‘invece riservano a un incidente mortale sul lavoro”.

Con questo allarme è iniziato presso la Sala Congressi della Scuola Media Statale “Leonardo da Vinci” di Statte, il pubblico convegno “La fortuna non è un dispositivo di sicurezza”; il titolo della manifestazione è lo slogan di questa 65ª Giornata per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro, scelto dall’ANMIL per invitare i lavoratori a non affidare alla “fortuna” la sicurezza sul posto di lavoro, ma invece a una rigorosa formazione ed educazione all’impiego dei dispositivi previsti dalla normativa. Il convegno si è tenuto nell’ambito delle celebrazioni della 65ª edizione della Giornata per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro che quest’anno l’ANMIL ha celebrato a Statte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche