Cronaca

Borsci, rinnovato l’accordo con il gruppo Caffo

Il contratto sancisce la proroga della gestione dell’azienda


Rinnovato l’accordo con il gruppo Caffo.

Il contratto che sancisce la proroga della gestione dello stabilimento tarantino, è stato stipulato tra la curatela fallimentare della Ilbi Spa, rappresentata dal curatore Antonio Pastore e la Bsm del gruppo Caffo, nei giorni scorsi, nello studio del notaio Francesco Valente di Martina Franca.

Una decisione importante, preceduta da un incontro alla provincia di Taranto tra i sindacati, la curatela e l’azienda Bsm Srl che ha gestito negli ultimi due anni, in seguito ad un asta per l’aggiudicazione dell’affitto dell’azienda e del diritto di prelazione all’acquisto della stessa in caso di più offerenti. La proroga è stata necessaria in attesa di conoscere l’esito delle proposte di concordato fallimentare presentate lo scorso mese di maggio.

L’amministratore della Borsci San Marzano Srl (Bsm srl) Sebastiano Caffo ha dichiarato : “Il gruppo Caffo in questi due anni di gestione, ha redistribuito il prodotto in Italia e all’estero grazie alla sua rete vendita ed ha contemporaneamente lavorato sul rilancio del marchio Borsci, per questo oggi può garantire ai sindacati il mantenimento dei livelli occupazionali e può ragionevolmente prevederne un incremento nel medio periodo, contrariamente ad altri potenziali acquirenti che non si sono mai presentati al tavolo delle trattative”.

Inoltre, Caffo ha sottolineato “Il diritto di prelazione che abbiamo acquistato con l’asta del 2013 è stato una garanzia per poter effettuare gli investimenti necessari per far ripartire l’azienda, quindi sarà sicuramente da noi esercitato appena si concluderà l’iter burocratico in corso.”

Nel frattempo l’azienda, qualche giorno fa, è stata finalista del premio “parola d’impresa”, organizzato dalla piccola industria di Confindustria classificandosi seconda a livello nazionale nella categoria carta stampata con la campagna pubblicitaria Borsci “San Marzano aiutami tu!”.

Il riconoscimento è stato consegnato all’Expo di Milano dal Presidente PI Alberto Baban e ritirato dal direttore commerciale del gruppo Caffo, Paolo Raisa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche