29 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 28 Gennaio 2022 alle 22:49:00

Cronaca

Reti idriche e fogne: di chi la competenza?

San Vito, Lama e Talsano. Taranto Turismo lancia l’allarme


Anomalie nei lavori riguardanti le reti fognarie e idriche nelle zone di San Vito, Lama e Talsano. A porre l’accento sulla questione Irene Lamanna, presidente dell’Associazione Taranto Turismo. Sono circa trecento le vie dei quartieri periferici sprovviste di una rete idrica e fognaria adeguata.

I cittadini hanno più volte rivendicato i propri diritti, rivolgendosi all’Acquedotto Pugliese e al Comune di Taranto, ma le risposte ricevute sono sempre le stesse: le strade in questione sono private e non possono essere oggetto di lavori pubblici, nonostante siano stati corrisposti tutti gli oneri di urbanizzazione.

Gli interventi in queste zone possono essere quindi effettuati solo dai privati cittadini, oppure dal Comune, successivamente ad un esproprio o ad una cessione da parte degli stessi legittimi proprietari.

“A questo punto i residenti in due strade, via Calata Livezza, a San Vito e via Vasari, a Talsano, hanno ceduto formalmente la porzione di area stradale di loro proprietà – spiega Lamanna – ma in alcuna delle due strade sono cominciati i lavori, mentre è già stato ultimato il tronco fognario in via Merluzzo, vicino alla doppia curva di San Vito, una strada privata”.

L’associazione Taranto Turismo chiede al Comune e all’Aqp delle spiegazioni chiare su quanto accaduto. Interpellata dai cittadini, la Direzione dei Lavori Pubblici del Comune non è stata in grado di fornire una spiegazione plausibile.

“Attendiamo il 20 novembre prossimo – aggiunge Irene Lamanna – termine ultimo dell’impegno preso da parte dell’assessore regionale Giannini, per un altro incontro in cui si è impegnato a palesare una risoluzione reale alla questione”.

Recentemente si è tenuta una riunione, a Bari, tra l’assessore regionale alle Infrastrutture e Lavori Pubblici Giovanni Giannini e il sindaco Ippazio Stefàno. In quella occasione l’Autorità Idrica Pugliese (AIP) ha reso noto che sono disponibili, per la realizzazione degli impianti idrici e fognari, 11 milioni di euro che provengono dai fondi autorizzati dalla stessa Autorità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche