Cronaca

Palazzi storici abbattuti. Il caso di via Pisanelli

La denuncia del Pcd'I di Taranto


“Che il Borgo Umbertino fosse in pericolo, il Pcd’I di Taranto lo aveva già intuito con la denuncia dell’abbattimento delle antiche botteghe artigiane, di epoca pre-umbertina, conservate all’interno di Palazzo Berardi in Via Acclavio 139. Oggi, peggiore sorte tocca al palazzo di Via Pisanelli 36 dove, un nefasto cartello, parla chiaramente di abbattimento”. E’ quanto si legge in una nota del Comitato cittadino del Partito Comunista d’Italia.

“Si tratta di un bel palazzotto in stile Montecitorio, ultimo palazzo ad un piano del Borgo Nuovo di Taranto, elevatosi in altezza, nel corso dei decenni, per la grande crescita demografica verificatasi a cavallo tra la fine dell’800 e gli inizi del ‘900. Un raro esempio di come si presentava il Borgo Umbertino alle sue origini.

Eppure, nel 2012, il medesimo palazzo presentava una diversa progettazione edilizia, una mera sopraelevazione, un maggior rispetto del paesaggio urbano, non un clamoroso abbattimento (per ricostruire cosa, vista la poca chiarezza della cartellonistica di cantiere).

Il Pci, negli anni, lo ha più volte scritto. Il Borgo di Taranto, non presenta le sue bellezze con le sole facciate d’epoca ma, come anche la FAIMARATHON 2015 ha dimostrato, i suoi interni nascondono un’altra affascinante città nascosta, fatta di antichi ortali, giardini d’agrumi ammurati, cortili, domus, chiesette.  Quale interno nasconde il palazzotto di Via Pisanelli, cosa stiamo perdendo?

Come è possibile ambire ad essere Capitale della Cultura Nazionale od Europea con questa filosofia di pensiero, con la cancellazione del nostro passato. Pertanto, il Pcd’I jonico, insistendo sulla necessità di preservare il Borgo Umbertino nella sua interezza, chiede che l’ultimo palazzotto ad un piano del Borgo Nuovo venga preservato e che non venga erroneamente abbattuto per far posto ad una triste falsa facciata d’epoca con, al suo interno, squallidi box auto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche