17 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Settembre 2021 alle 19:50:29

Cronaca

Insospettabili rubano in una scuola

Tre incensurati finiscono nella rete dei carabinieri


Rubano all’interno di una scuola: arrestati tre giovani insospettabili.

I carabinieri della Stazione di Fragagnano hanno fermato per il reato di furto aggravato, due 18enni e un 20enne, tutti  incensurati ed originari di Francavilla Fontana.
Da diverso tempo i militari della Stazione di Fragagnano hanno intensificato i servizi di controllo del territorio, soprattutto in orario notturno, al fine di porre in essere una mirata azione di contrasto al fenomeno dei furti e danneggiamenti all’interno degli istituti scolastici.

La scorsa notte, intorno all’una, una pattuglia di carabinieri mentre transitava nei pressi della  scuola media “De Amicis” ha notato la porta aperta e ha deciso di effettuare un controllo dei locali.

Una volta all’interno hanno sorpreso i tre giovani, i quali dopo aver forzato con arnesi da scasso la grata e la porta di accesso della sala convegno dell’istituto scolastico, si erano introdotti nei locali per forzare i distributori automatici di bevande e impossessarsi del denaro.

Il terzetto è stato subito bloccato dai carabinieri.

Inutile è stato il tentativo di fuga posto in essere dal complice che li attendeva in auto. E’ stato  individuato e fermato da altri militari dell’Arma che stavano sorvegliando l’esterno della scuola. I tre giovani condotti in caserma sono stati dichiarati in arresto per tentato furto aggravato e, come disposto dal magistrato di turno, dott. Mariano Buccoliero, trasferiti presso le rispettive abitazioni dove dovranno rimanere ai domiciliari. Nel corso dell’operazione sequestrati arnesi da scasso.

Il comando provinciale dell’Arma fa sapere che “rimane sempre alto il livello di attenzione su eventi predatori del genere che interessano sempre più gli edifici pubblici privi di qualsivoglia forma di sicurezza passiva e che pertanto vengono maggiormente attenzionati da delinquenti anche non abituali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche