30 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 29 Luglio 2021 alle 07:04:16

Cronaca

Autobus in avaria. Sud-Est nella bufera

Il consigliere regionale Perrini chiede chiarezza


Autobus in avaria che, in alcuni casi, prendono fuoco. Ancora polemiche sulla Sud Est.

A chiedere chiarezza è il consigliere regionale dei Conservatori e Riformisti, Renato Perrini. «Il servizio reso, o meglio sarebbe dire non reso, dalla Sud Est ha raggiunto ormai livelli di inefficienza non più tollerabili. Ben undici, negli ultimi mesi, gli episodi gravi di mezzi fermatisi per avaria, con l’emblematico caso dell’autobus che ha preso fuoco nei pressi di Avetrana, con gravi rischi per la incolumità dei tantissimi studenti trasportati. Nonostante gli sforzi del personale e qualche intervento successivo a numerose  sollecitazioni da parte di consiglieri regionali e sindaci – sottolinea Perrini – nel complesso il servizio continua ad essere assolutamente carente.

Risulta addirittura che siano state soppresse alcune corse, senza peraltro il necessario preavviso alla utenza, molti abbonati,  lasciati al proprio destino; la maggior parte studenti e lavoratori pendolari. Per colmo di misura si registra anche qualche preoccupazione per il regolare pagamento degli stipendi al personale, mentre come è noto anche la magistratura ha attenzionato l’azienda. A questo punto, pur dando atto all’assessore Gian-nini di essersi attivato dopo le numerose sollecitazioni, occorre un intervento più deciso per comprendere innanzitutto le ragioni di quanto sta accadendo, anche con la istituzione di una apposita commissione regionale , e individuare al più presto soluzioni necessarie a garantire un servizio di mobilità degno di questo nome. Chiederò – annuncia il consigliere regionale – insieme ai colleghi del mio gruppo, che si proceda ad avviare una immediata indagine conoscitiva. In questa vicenda, infine, continuiamo a registrare il silenzio assordante del governo centrale, che dovrebbe invece far sentire la sua voce, e, soprattutto, attivarsi per risolvere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche