Cronaca

Materiale radioattivo rinvenuto in un cassonetto tra via Minniti e via Mazzini

L'intervento dei tecnici dell'Amiu. Trovato materiale contenente Iodio 131


Un cassonetto contenente rifiuti radioattivi è stato individuato dai tecnici dell'Amiu all'incrocio tra via Minniti e via Mazzini. E' immediatamente scattato l'allarme che ha consentito di stabilire che si trattava di rifiuti ospedalieri rinvenienti dal trattamento radioterapico di un paziente evidentemente residente nella zona.

«L'Amministrazione comunale di Taranto – si legge in una nota diffusa da Palazzo di città – rammenta ai cittadini che è severamente vietato conferire i rifiuti speciali derivanti da trattamenti radioterapici con Iodio 131  nei cassonetti stradali dei  rifiuti solidi urbani.  Si avvertono, pertanto, i cittadini sottoposti a tali trattamenti a contattare direttamente l'AMIU al numero 3666873290, oppure gli Uffici del Gabinetto Sindaco del Comune di Taranto ai numeri 0994581625/609/606 o l'ASL per seguire correttamente le indicazioni per lo smaltimento di questi rifiuti speciali contenenti scorie derivanti dal trattamento medico (pannoloni, lenzuola, indumenti, ecc)».  

Proprio l'inosservanza delle regole di conferimento di questo tipo di rifiuti ha causato in questi ultimi giorni il blocco di quattro autocompattatori dell'AMIU presso l'impianto CISA perché contenente appunto materiale isotopo radioattivo.

Quotidianamente,infatti, presso l'ingresso di CISA gli autocompattatori vengono controllati da specifiche apparecchiature di rilevamento.  «A seguito di  attività di accertamento effettuate dall'AMIU – prosegue la nota -, è stato possibile definire che il conferimento del rifiuto radioattivo, che ha causato il blocco dei compattatori, è avvenuto in un cassonetto stradale posto all'incrocio tra via Minniti e via Mazzini. Pertanto, il paziente (o la paziente) sottoposto a trattamento radioterapico, che ha nei giorni scorsi conferito i rifiuti speciali in questa zona, è invitato a contattare tempestivamente i numeri segnalati per seguire le indicazioni sul corretto conferimento, evitando in tal modo il blocco di altri autocompattatori dell'AMIU. E' assicurata ogni forma di riservatezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche