22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 16:09:36

Cronaca

Porto di Taranto, appalto da 7 milioni di euro

Via ai lavori per la riqualificazione della banchina del molo


L’Autorità Portuale, nei giorni scorsi, ha stipulato il contratto d’appalto, con il Consorzio 4IT Constructions, con sede in Genova, ed ha proceduto, tramite il Direttore dei Lavori, alla consegna dei lavori di “Riqualificazione della banchina e dei piazzali in radice del Molo Polisettoriale – Adeguamento area terminal rinfuse”.

Il Consorzio ha offerto un prezzo per l’esecuzione dell’appalto pari ad 7.035.486,58 euro (6.765.370,28 euro offerti per lavori ed 270.116,30 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso). L’esecuzione delle opere è prevista in circa 10 mesi dalla data di consegna. I lavori ricadono tra le attività individuate dall’Autorità portuale di Taranto per rilanciare lo scalo pugliese e fronteggiare la concorrenza degli altri porti del Mediterraneo. L’area oggetto di riqualificazione ha una estensione di circa 60.000 metri quadrati ed occupa una parte di radice del Molo Polisettoriale e l’attuale banchina di riva.

Gli obiettivi dell’intervento consistono nel ripristino della funzionalità delle strutture di banchina che necessitano di interventi di manutenzione straordinaria, nella riqualificazione delle aree a terra, nonché nell’adeguamento degli impianti elettrico e di drenaggio delle acque meteoriche alla normativa vigente. L’adeguamento renderà le banchine e i retrostanti piazzali fruibili per le funzioni previste, tra l’altro, nel nuovo piano regolatore portuale. Il Commissario Straordinario, prof. avvocato Sergio Prete, sull’intervento, dichiara che: “Con l’avvio di questo ulteriore cantiere si allinea temporalmente il completamento dell’intera banchina del Molo Polisettoriale (2050 metri) e dei piazzali retrostanti. Ciò consentirà la possibilità di una migliore e diversificata utilizzazione delle infrastrutture direttamente collegate alle reti stradali e ferroviarie e dotate di ampi spazi retroportuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche