25 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Novembre 2020 alle 17:23:31

Cronaca

Gambizzato dopo un litigio

Un 39enne avetranese è stato ferito sulla strada per Torre Colimena


Gambizzato un trentanovenne di Avetrana ma residente a Porto Cesareo.

Si tratta di Alessio Rizzello, che si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale di Copertino per una ferita d’arma da fuoco ad una gamba. L’uomo che ai carabinieri ha detto di non conoscere l’autore del ferimento, ha riferito ai sanitari di essere finito nel mirino a Torre Lapillo sulla strada che porta a Torre Colimena.  Le condizioni del 39enne non sono gravi.

Soccorso dai medici del nosocomio salentino è stato dimesso con pochi giorni di prognosi. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Porto Cesareo e della Compagnia di Campi Salentina. Il ferimento forse al termine di un litigio.

Nel giugno dello scorso anno le dichiarazioni di Rizzello permisero ai carabinieri di risolvere in poco tempo l’omicidio di Luigi Ferrari e della moglie Antonietta Parente, uccisi nella loro abitazione durante un tentativo di rapina.

Fornì agli investigatori elementi fondamentali alle indagini che hanno portato all’arresto di Vincenzo Tarantino, cinquantaduenne di Manduria e residente anch’egli ad Avetrana, ritenuto il presunto autore del brutale omicidio della coppia dei coniugi di Porto Cesareo.

Per quel delitto, in manette, come detto, è finito il 52enne di Manduria che il giorno precedente al duplice omicidio avrebbe confidato al 39enne la volontà di compiere un furto nell’abitazione della coppia. Qualche mese dopo, invece,fu arrestato per spaccio di cocaina. Fu trovato in possesso di 29 grammi di “polverina bianca”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche