Cronaca

La proposta: «Dieci milioni di euro per salvare Meta e Centrale del Latte»

Un piano per Agromed


Un progetto per salvare Meta e Centrale del Latte. La proposta è stata presentata questa mattina a Palazzo di Città.

A promuovere l’iniziativa che coinvolge il consorzio Agromed sono stati i vertici di Unimpresa, Tavolo Verde e Centrale del Latte. «Il nostro obiettivo – ha spiegato Emanuele Papalia di Unim-presa – è quello di salvare i 500 lavoratori del Meta (tra operatori, dipendenti e carovane) e recuperare gli ex dipendenti della Centrale del Latte. Per farlo si potrebbe attingere dalle risorse a disposizione di Agromed».

Il consorzio è nato come “centro di servizi per reefer container o traffici Ro-Ro per i prodotti alimentari freschi e/o congelati in arrivo dall’estero al Container Terminal o al Ro-Ro Terminal di Taranto e redistri-bu-zione al mercato di destinazione via strada o ferrovia”. Ora però potrebbe essere utilizzato per salvare centinaia di posti di lavoro. La proposta è stata presentata al sindaco Ippazio Stefàno ed al consigliere del cda di Agromed, Palo Rubino. «Il primo cittadino – ha concluso Papalia – attraverso il cda di Agromed, sottoporrà il progetto all’attenzione degli altri soci del consorzio, ovvero Provincia e Camera di Commercio. La speranza è che questa proposta non trovi ostacoli. Bisogna salvaguardare l’occupazione, rilanciando Meta e Centrale del Latte».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche