26 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 26 Novembre 2020 alle 12:41:42

Cronaca

Agguato a colpi di coltello, uno degli aggressori torna a casa

La decisione del Gip del Tribunale di Taranto


Ha ottenuto i “domiciliari” uno dei due fratelli albanesi che, un anno fa, hanno tentato di uccidere a coltellate un loro connazionale.

Il gip del tribunale di Taranto ha, infatti, mandato a casa il quarantenne Gerti Selimaj accogliendo la richiesta dei difensori dell’uomo, gli avvocati Salvatore Maggio e Fabrizio Lamanna.

Erano stati i carabinieri della Compagnia Carabinieri di Martina Franca ad arrestare i due. Drammatiche le fasi che avevano  preceduto la loro cattura. Al “112” una telefonata che segnalava la presenza di un giovane a terra, poi identificato in un 26enne albanese, con ferite da arma da taglio e una violenta emorragia in atto. Il giovane, in gravi condizioni e incapace di fornire dettagli sugli aggressori, aveva una profonda ferita  sul fianco destro. Era stato subito condotto all’ospedale di Martina Franca e sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Gli investigatori dell’Arma avevano avviato le indagini visionando le immagini registrate da un sistema di videosorveglianza della zona ed erano riusciti, tassello dopo tassello, a identificare i due del tentato omicidio.

Li avevano rintracciati In pochissime ore. Vagavano senza meta per lle vie della cittadina della valle d’Itria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche