12 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 07:11:00

Cronaca

Droga e botti, due arresti ed una denuncia

Le operazioni condotte dalla Polizia tarantina


Nel corso dei servizi di controllo del territorio particolarmente intensificati nell’ultima giornata dell’anno e volti in particolar modo al contrasto della vendita e dell’uso illegale dei cosiddetti “botti di capodanno” gli Agenti della Polizia di Stato hanno tratto in arresto due persone e denunciato una terza.

Nel pomeriggio di San Silvestro, gli Agenti della squadra Mobile hanno tratto in arresto Antonio Romanazzi, tarantino di 26 anni, per detenzione abusiva di materiale esplodente e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

I poliziotti transitando in via San Brunone alle spalle del cimitero cittadino, hanno notato il giovane, che quasi sorpreso di trovarsi dinnanzi un auto della Polizia ha cercato di dileguarsi.

La fuga è durata però pochi metri, perché gli agenti sono riusciti a bloccarlo e nel corso della perquisizione personale hanno recuperato due grossi manufatti esplodenti del peso di circa 250 grammi ciascuno ed una decina di dosi di hashish già confezionate e pronte allo spaccio per un peso complessivo di 12 grammi circa.

Inoltre gli agenti hanno recuperato in una tasca del giubbotto del fermato 505 euro in banconote di piccolo taglio, probabile provento dell’attività di spaccio.

Il giovane è stato arrestato.

Quasi contemporaneamente, altri agenti della Squadra Mobile, nel corso di una perquisizione in casa di Silvio Zelletta, 46enne tarantino, in via Giusti, hanno recuperato e sequestrato materiale esplodente di IV e V categoria per un peso complessivo di 30 kg. circa e altro materiale esplodente non classificato del peso di circa 5 kg..

Dopo quanto ritrovato anche il 46enne è stato arrestato.

Gli agenti della Polizia Amministrativa, intorno alle 17 del 31 dicembre hanno fermato una Mercedes “Classe A” che percorreva la provinciale che da Martina Franca conduce a Crispiano. Dal controllo dell’autovettura guidata da un martinese di 41 anni, i poliziotti hanno recuperato materiale pirico esplodente appartenente alla IV  e V categoria per un peso complessivo lordo di circa 150 chilogrammi.

Considerato che tale materiale esplodente può essere venduto solo all’interno di armerie o strutture autorizzate ed essere usato quasi esclusivamente da persone in possesso di regolare porto d’armi, il 41enne martinese, è stato denunciato in stato di libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche