Cronaca

Aggredita da un gruppo di extracomunitari a Taranto Due

L’episodio è avvenuto l'altra sera. Vittima una 33enne


«Erano in tre, forse quattro, e ieri sera hanno aggredito mia figlia».

Dall’altro capo del telefono, la voce tremante del padre della ragazza, ci racconta quanto accaduto ieri a Taranto Due, nei pressi di un supermercato. La 33enne è stata aggredita da un gruppo di extra-comunitari proprio mentre si apprestava ad entrare nel supermercato per fare la spesa.

Attimi di paura, quelli vissuti dalla donna, che ci vengono raccontati da suo padre. «Inizialmente ha provato a nasconderci quanto è accaduto, non voleva farci spaventare, ma alla fine ha ceduto. Ieri sera, intorno alle 19 – 19.30, dopo essere uscita dalla palestra che frequenta ogni giorno, ha parcheggiato la sua auto nei pressi di un supermercato perchè doveva fare un po’ di spesa. Neanche il tempo di entrare che è stata spintonata per terra da 3-4 extracomunitari. “Papà erano enormi” mi ha detto.

Le hanno portato via il portamonete con all’interno 50 euro. Per fortuna non c’erano i documenti altrimenti avrebbero saputo anche dove abita. Dopo l’episodio è andata in caserma ed ha denunciato l’accaduto ai carabinieri. Oggi effettuerà alcuni esami clinici nella speranza che non ci sia nulla di rotto». Il padre della ragazza aggredita spiega anche le ragioni che lo hanno portato a denunciare pubblicamente quanto accaduto a sua figlia.

«Il mio pensiero corre alle tante donne, giovani e meno giovani, che si ritrovano a dover percorrere strade poco illuminate e degradate della nostra periferia. Ci sono tanti gruppi di extra-comunitari che vagano per tutto il giorno alla ricerca di una facile preda cui sottrarre denaro. Bisogna alzare la guardia. Non sono mai stato razzista ma qualcuno dovrebbe iniziare a chiedersi che fine fanno molti di questi immigrati quando sbarcano nel porto di Taranto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche