Cronaca

Così l’Immacolata salvò la città

Da giovedì l’evento per ringraziare la Vergine e la sua intercessione nei due terremoti


La Confraternita dell’Immacolata in Città Vecchia, organizza nel Duomo di San Cataldo dal 18 al 21 febbraio, un triduo votivo e penitenziale.

Questa tradizione ininterrotta, anche se con forme e modalità differenti, viene mantenuta viva dal sodalizio a ricordo dello scampato pericolo per i  terremoti del 1710 e del 1743. La fede popolare ha riconosciuto, in entrambe le calamità, la protezione della Vergine Immacolata. Così dopo il primo evento l’Immacolata divenne compatrona del capoluogo ionico e dopo il secondo (avvenuto nella seconda metà di febbraio) le autorità civili dell’epoca vollero istituire una tre giorni di preghiera dal carattere penitenziale con l’esposizione del simulacro. Quest’anno il triduo cade nel pieno del tempo quaresimale e nella grande opportunità spirituale del Giubileo della Misericordia. Questo il programma. Giovedi 18 febbraio alle 17 Traslazione del simulacro Maria Immacolata  dalla Chiesa di San Michele in Duomo; alle 18 Santa Messa in Duomo.

Venerdì 19 febbraio: alle  9.30 Esposizione del Santissimo Sacramento Celebrazione dell’Ora Media; alle 12 Reposizione del Santissimo Sacramento; alle 16.45 Esposizione del Santissimo Sacramento Celebrazione dei Vespri; alle 17.45 Benedizione Eucaristica; 18 Santa Messa; 19 Via Crucis.

Sabato 20  Febbraio: alle 9.30 Esposizione del Santissimo Sacramento. Ora Media; alle 12 Reposizione del Santissimo Sacramento; alle 16.45 Esposizione del Santissimo Sacramento. Vespri; alle 17.45 Benedizione Eucaristica; alle 18 Santa Messa; alle 19.30 La Pienezza dell’amore. Meditazione e preghiera con la musica. Sette come le opere di misericordia corporali, Sette come i Sacramenti, Sette come le ultime parole di Gesù i Croce. L’accompagnamento musicale alla riflessione sarà curata dell’Orchestra di Fiati Santa Cecilia diretta dal Maestro Giuseppe Gregucci. Saranno eseguiti alcuni brani della tradizione quaresimale tarantina. Testi e meditazione di don Emanuele Ferro, parroco della cattedrale e padre spirituale della Confraternita.

Domenica 21 febbraio: alle 16.45 Esposizione del Santissimo Sacramento. Vespri; Presenzia la Confraternita dell’Immacolata di Molfetta; alle 17.45 Benedizione Eucaristica; alle 18 Santa Messa presieduta da don Pasquale Rubini, padre spirituale dell’Immacolata di Molfetta. A seguire con una fiaccolata penitenziale sarà riportata l’immagine dell’Immacolata nella chiesa di San Michele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche