16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 18:03:30

Cronaca

In macchina con la cocaina. Arrestato

TARANTO – Se ne andava in giro con la cocaina nella macchina. E’ stato arrestato dalla Polizia. A finire agli arresti domiciliari Raffaele Massaro, un trentaseienne di Fragagnano. E’ stato fermato nel tardo pomeriggio di ieri dagli agenti della Squadra Mobile, impegnati in mirati servizi antidroga ad ampio raggio messi a segno nel Comune di Fragagnano. Massaro era alla guida di una Mercedes Classe A quando gli é stato intimato l’alt. Si é fermato e ha fatto vedere i documenti. Ma durante il controllo di patente e libretto, i poliziotti sono stati insospettiti dal suo atteggiamento nervoso ed irrequieto.

Per questo gli agenti hanno deciso di perquisire l’auto del trentaseienne. L’ispezione, infatti, ha permesso di trovare la droga. Sotto il blocco della pulsantiera alzavetri, l’uomo aveva nascosto un contenitore di plastica completo di tappo, dove erano custoditi due piccoli involucri di cellophane contenenti complessivamente 10 grammi di cocaina. Così Massaro é stato portato negli uffici della Questura e dopo le formalità di rito é stato dichiarato agli arresti domiciliari. Dovrà rispondere di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente. La droga ritrovata (nella foto) e l’autovettura sulla quale viaggiava Massaro sono state sequestrate. Un altro arresto per spaccio di droga é stato effettuato dalla Guardia di Finanza di Taranto, nei confronti del 29enne L.V. Quest’ultimo é stato trovato in possesso di 15 grammi di eroina. Teneva la droga nel suo appartamento del centro di Taranto, dove era stato notato uno strano andirivieni di giovani. Sul palazzo aveva anche sistemato una telecamera sulla porta d’ingresso, senza alcun permesso. Altre sei persone sono state segnalate al prefetto perché trovate in possesso di eroina, cocaina, hashish e metadone. I controlli della Finanza sono stati messi a segno nel borgo e nella città vecchia di Taranto, con il supporto dei canti antidroga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche