21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

Cronaca

Cinque anni contro le stragi sulla strada

TARANTO – “Il messaggio per la vita? Ciascuno di noi” è il titolo del convegno organizzato per oggi al Circolo Ufficiali della Marina Militare. Un’iniziativa per festeggiare i cinque anni dell’importante campagna di prevenzione delle Stragi sulla strada, iniziata nel 2007, “Un messaggio per Non Morire”. “Dedico tutto il nostro impegno alla mia famiglia e a tutti coloro non siamo riusciti a salvare” ha spiegato stamattina il dottor Mario Balzanelli, dirigente del 118 di Taranto, da sempre impegnato nell’iniziativa contro le stragi della strada, voluta proprio dal 118 e alla quale hanno aderito diversi partner come la Asl, la Regione Puglia, la provincia di Taranto e l’associazione “Ama la vita”: Intenso il bilancio dei cinque anni di iniziative presentato stamattina.

La campagna continua, ma cambia nome da “Un messaggio per non morire” a “Un Messaggio per la Vita”: “Con Stefano Fabbiano, il presidente della campagna, Roberta Bruzzone, Michele Conserva, Fabrizio Lamanna, Raffaele Russo – ha spiegato Balzanelli – organizzeremo altre iniziative e prevenire le morti e difendere la vita. Con la bruzzone e Paolo Di Cuio presenteremo un cd musicale attraverso il quale parleremo d vita. Il ricavato della vendita del disco servirà per proseguire le nostre attività”. Già in questi anni per trasmettere, soprattutto ai più giovani, l’invito ad essere prudenti sono state fatte una trasmissione telefonica, convegni, incontri nelle scuole, un sito internet, un manuale e eventi in tutta Italia. Molti i relatori del convegno (un momento nella foto dello Studio Renato Ingenito) che terminerà in serata. Alla 16.30, infatti, riprende la seconda sessione, quella pomeridiana, durante la quale interverranno Mario Balzanelli, il presidente del Tribunale di Taranto Antonio Morelli, l’avvocato Fabrizio Lamanna. Alle 19.30 si sarà l’esibizione dei cantanti Gaetano Labalestra e Paolo di Cuio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche