Cronaca

“Stefàno gira armato perchè fa troppe promesse”

TARANTO – La foto in cui il sindaco Stefàno è ritratto con la pistola nella cintola dei pantaloni ha fatto il giro del mondo. Quotidiani e tv si sono interrogati sulle motivazioni che hanno spinto il primo cittadino a girare armato durante i festeggiamenti per la vittoria delle elezioni comunali. Oggi, sull’argomento, si registra l’intervento di Aldo Condemi, uno degli sfidanti di Stefàno allo scranno più alto di Palazzo di Città. “Nei giorni scorsi mi è capitato di guardare un programma su La7 condotto da Lilli Gruber – spiega Condemi. In quella puntata è stato intervistato Ippazio Stefàno.

Oltre a chiedere al sindaco come mai girasse armato si è parlato di Taranto come di una città di delinquenti. A questo punto mi preme precisare che la nostra è una città civilissima ma nessuno gradisce essere preso per i fondelli”. Nel suo affondo, il consigliere comunale del Popolo della Libertà, spiega anche le ragioni che avrebbero costretto il sindaco Stefàno a girare armato per la città. “La pistola del sindaco è soltanto la conseguenza delle promesse che non può mantenere. La gente reagisce perché si sente presa per i fondelli – afferma Aldo Condemi. Il sindaco che gira armato è lo stesso che entra dall’entrata posteriore di Palazzo di Città per evitare la folla di tarantini che lo aspetta per chiedere conto delle promesse fatte. E’ lui che si messo in questa condizione, non è colpa della gente. A Taranto può camminare armato solo per spaventare i cani randagi che non riesce a togliere dalle strade”. Ma Condemi torna anche sulla vicenda relativa allo stipendio percepito dal primo cittadino. “Anche durante quella puntata di “Otto e mezzo” il sindaco Stefàno ha ripetuto la solita litania riguardo al suo stipendio. Per l’ennesima volta ha detto che non percepisce alcun stipendio dal Comune. E’ assolutamente falso. Dice anche che dà quei soldi in beneficenza ma anche in questo caso non risulta da nessuna parte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche