Cronaca

Una giovane mamma gira a vuoto otto ospedali: morta

Indagati diciotto medici


BRINDISI – La Procura di Brindisi ha avviato un’inchiesta per omicidio colposo e ha indagato 18 medici per la morte di una donna di 27 anni, Dora Distante, di Villa Castelli (Brindisi), avvenuta il 19 febbraio scorso.

La paziente in otto mesi di calvario è stata trasferita in otto ospedali del Brindisino, del Leccese, del Tarantino e infine a Bari, dove è morta.

Secondo la denuncia del marito, lo stato di incoscienza della donna sarebbe iniziato dopo una iniezione lombare effettuata nel giugno 2015 all’ospedale Perrino di Brindisi: la 27enne doveva sottoporsi a una rachicentesi.

Nell’esposto presentato dall’uomo, assistito dagli avvocati Giuliano Calabrese e Stefano Del Vecchio, viene raccontato il calvario della donna, madre di un bambino di sette anni.
La salma è da un mese a disposizione della magistratura, che ha sequestrato le cartelle cliniche e ha ricostruito i fatti. L’autopsia, disposta dal pm Antonio Costantini, sarà eseguita il 7 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche