05 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 05 Dicembre 2020 alle 16:02:00

Cronaca

Il Comune “taglia” l’Amiu. La domenica? Stop ai rifiuti

L’azienda ha chiesto una ordinanza sindacale per limitare il conferimento nei giorni festivi


TARANTO – Da domenica prossima niente raccolta dei rifiuti. Al momento nulla di ufficiale, sia ben chiaro, ma quanto emerso ieri nel corso di una riunione sindacale dell’Amiu potrebbe ripercuotersi in modo pesante sulla gestione dei rifiuti in città. Ma andiamo per ordine.
Ieri, nel corso di un vertice tra i sindacati (presenti Uil, Cisl e Siuls) ed i vertici dell’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti si è discusso del nuovo contratto di servizi che legherà, per i prossimi anni, l’Amiu ed il Comune (socio unico). Per l’ex municipalizzata hanno partecipato all’incontro il componente del Cda Michela Leone ed i dirigenti Egidio Durante (responsabile tecnico), Cosimo Natuzzi (responsabile della raccolta dei rifiuti) e Rocco Scalera (responsabile dell’amministrazione). Al centro dell’incontro, come detto, il nuovo contratto di servizi. L’accordo precedente, sottoscritto nel 2006 per i successivi 9 anni è scaduto a fine 2015. La proroga scade tra pochi mesi e, secondo quanto trapela dai corridoi di Palazzo di Città, le risorse riservate all’Amiu per effettuare i servizi di raccolta dei rifiuti e pulizia delle strade (solo per citare quelli più importanti) potrebbero subire tagli consistenti. Una circostanza che costringerebbe l’azienda a dover rivedere persino i turni di lavoro. «L’urgenza della situazione – avrebbero spiegato dalla direzione Amiu nella riunione sindacale di ieri – è legata alla richiesta del socio (il Comune, ndr) che ci ha chiesto di adeguare i servizi di raccolta e spazzamento stradale a quelli della differenziata, ovvero saltare il turno dalle 4 di domenica mattina alle 4 del lunedì mattina». Ai problemi sollevati dai rappresentanti sindacali, circa il consistente carico dei rifiuti del lunedì (ai quali si sommerebbero quelli della domenica) i dirigenti dell’Amiu hanno replicato che, a tal proposito «è stato chiesto al Comune di fare un’ordinanza sindacale per chiedere ai cittadini di limitare il conferimento dei rifiuti di domenica». Ovviamente, per il momento, il tutto dovrebbe rientrare nell’ambito di una “sperimentazione” utile a verificare costi e risorse proprio in vista del prossimo contratto di servizi.
Sperimentazione che «partirà tra circa 2 settimane» quindi, presumibilmente, già da domenica 3 aprile. «Per evitare qualsiasi problema – hanno assicurato dall’azienda – prevederemo una squadra di emergenza reperibile».
Nei prossimi giorni i sindacati illustreranno il piano dell’azienda ai lavoratori perchè, come sottolineato ieri dai rappresentanti, «vengono toccate le retribuzioni degli operai e su questo noi non siamo d’accordo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche