Cronaca

Provincia: «non abbiamo soldi»

Il Contratto Istituzionale di Sviluppo per ripartire, ma l’Ente ha bisogno di ossigeno


“Siamo ad un nodo importante”. Sono le parole con le quali Martino Tamburrano, presidente della Provincia, ha accolto la stampa, ieri mattina, in occasione della conferenza convocata per fare il punto sulle “promesse” del Cis.

Le buone notizie arrivate da Roma, all’indomani dell’aggiornamento del tavolo per il Contratto istituzionale di Sviluppo, non bastano a rasserenare le istituzioni locali. La situazione economica nella quale l’Ente versa è drammatica, Tamburrano è stato chiaro nel sottolineare più volte che senza il denaro necessario ad assicurare l’ordinaria amministrazione, la condizione attuale della Provincia resta quella del pre dissesto. “Le strade sono pericolose e non possiamo provvedere a sistemarle, gli immobili scolastici necessitano di interventi urgenti, e non abbiamo i fondi per avviarli. Siamo quasi alla fine dell’anno scolastico e i ragazzi con disabilità non hanno l’insegnante di sostegno – sottolinea Tamburrano. Da parte del Governo, in termini di approvazione abbiamo tante garanzie, ma le parole non bastano.

Tutto il lavoro progettuale che potessimo fare è stato portato a termine, ora abbiamo bisogno che qualcuno dia un’accelerata agli accreditamenti”. Come ha tenuto a precisare Gianni Azzaro, vicepresidente della Provincia, a Roma si sta lavorando per Taranto su due fronti: per la valorizzazione della progettualità imprenditoriale, presso il Ministero dello Sviluppo economico (MISE), e per gli interventi infrastrutturali, al tavolo per il Cis. “All’interno del MISE – ha precisato Azzaro – è stato istituito un gruppo di coordinamento e controllo dei lavori. Per quel che riguarda l’area portuale l’obiettivo è la creazione di un hub, che comprenda anche la retroportualità, appetibile per gli investitori”.

Invitalia, il soggetto attuatore del Contratto, dovrà ora interloquire con gli amministratori dei comuni interessati, per individuare luoghi immediatamente cantierizzabili; si procederà anche ad una ricognizione dei fabbisogni del territorio e sulla scorta di questo lavoro, il piano d’intervento verrà ridefinito per la sottoscrizione di un accordo di programma, che dovrebbe dare il via alle opere. Per i dipendenti di Isolaverde – una loro delegazione era presente alla conferenza stampa – proprio durante l’incontro è arrivata la notizia che da Roma sono state accreditate all’Inps le somme relative ai contratti di solidarietà 2014-2015. La situazione della multiservizi resta tuttavia drammatica. “Sono dell’avviso che bisogna salvare tutti. O tutti o nessuno – ha dichiarato Tamburrano a margine della conferenza”. Per Isolaverde, intanto, domani mattina è previsto l’ennesimo tavolo tecnico in Prefettura. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche