14 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Maggio 2021 alle 19:15:24

Cronaca

A Taranto i Riti più belli d’Italia

A segnalarlo il Touring Club Italiano, in un articolo pubblicato sul suo sito


I riti che accompagnano la Settimana Santa a Taranto sono tra i più belli d’Italia.

Lo segnala il Touring Club Italiano, in un articolo pubblicato, nei giorni scorsi, sul suo sito (www.touringclub.it), il portale di riferimento per la più grande comunità italiana di viaggiatori. Un’opportunità unica di visibilità dunque, per le processioni lente e suggestive del Giovedì e del Venerdì Santo, dell’Addolorata e dei Misteri, tramandate dalle confraternite dell’Addolorata e del Carmine.

Una finestra sul pellegrinaggio dei “Perdoni”, coppie di pellegrini scalzi e incappucciati della Confraternita del Carmine. “Una scelta complicata – scrivono gli autori Stefano Brambilla e Tino Mantarro – perché in regioni come Puglia e Sicilia i riti si contano ben oltre le dita di due mani. Tra le feste religiose, le più numerose e sentite sono forse quelle che celebrano il periodo pasquale, ancor più che il Natale o l’Epifania: da nord a sud, soprattutto la Passione del Venerdì Santo ha ispirato riti e rituali che prevedono processioni, rievocazioni, messe in scena la cui origine spesso si perde nella notte dei tempi”. Quindici le regioni esaminate dagli esperti del Touring Club, ma proprio alla Puglia, come alla Calabria e alla Sicilia, è dedicato ampio spazio, restando “fuori di dubbio che le feste di matrice religiosa-proseguono gli autori-rappresentino buona parte del patrimonio tradizionale italiano”.

L’associazione si occupa di arte, cultura, gastronomia e turismo da oltre un secolo, è famosa per la sua cartografia e per le sue pubblicazioni. “I Riti sono un’espressione di fede ma anche eventi dal forte significato sociale e vincolo di appartenenza alla comunità, soprattutto al Sud”. Per Taranto, poi, marzo è il mese della cultura. Tanti giorni per apprezzare la vasta e articolata offerta dell’Assessorato alla Cultura, che svela e rende fruibile le diverse bellezze della città dei Due Mari, mettendo anzitutto in rete luoghi d’arte e cultura come i Musei (dal Museo Archeologico Nazionale a quello Diocesanosenza dimenticare il Museo Etnografico “Alfredo Majorano” presso il Palazzo Pantaleo) e poi gli ipogei comunali, il Borgo Antico e il Borgo Umbertino con visite guidate gratuite in programma ogni giorno, mostre, incontri e concerti.

“Siamo lusingati per l’attenzione riservataci dal Touring Club Italiano – ha dichiarato l’assessore comunale alla Cultura Mino Ianne – ben consapevoli che questo nostro grande patrimonio culturale è una straordinaria risorsa che è a disposizione di tutti, grazie all’impegno di istituzioni, professionisti, imprese, associazioni e cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche