Cronaca

Riciclaggio di auto di lusso, due imputati chiedono il rito abbreviato

La vicenda risale ad ottobre del 2015


Riciclaggio di auto di lusso: in due potrebbero essere processati con il rito ordinario, altri due hanno chiesto il rito abbreviato un quinto il patteggiamento. A ottobre del 2015 tre persone furono arrestate dagli agenti della squadra di polizia Giudiziaria della Polizia Stradale di Taranto con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, al falso ideologico emateriale e al riciclaggio di autovetture di lusso destinate al mercato italiano e tedesco.

Furono arrestati Egidio Steven Saracino che potrebbe essere processato con il rito ordinario Sergio Leggieri, funzionario delegato dell'agenzia Aci di Taranto che ha chiesto di patteggiare la pena e Antonio Tortella, titolare di una ditta con sede a Martina Franca che gestisce ilcommercio all'ingrosso di autovetture che ha chiesto il processo con il rito abbreviato.

Nel processo altri due imputati uno dei quali ha chiesto l’abbreviato. Le indagini furono avviate dopo un controllo effettuato da una pattuglia della sottosezione autostradale di Palagiano che intercettò un carro attrezzi che trasportava un Ferrari California diretto verso nord. Dal controllo emerse che l’autoera di proprietà di una ditta di noleggio auto campana ignara del trasferimento della vettura. L’organizzazione, secondo l'accusa, si appropriava in maniera fraudolenta di autovetture di lusso, affittate con contratti a lungo termine (che non venivano onorati dopo le prime rate) da società di noleggio, per poi trasferirne la proprietà a persone diverse (tramite l'utilizzo di falsi documenti di identità riconducibili agli ignari funzionari delle società di noleggio o false denunce di smarrimento e false deleghe.Nel corso dell’operazione gli agenti hanno sequestrato una Ferrari California e una Porsche 911 Carrera. Scattò anche una richiesta di sequestro nel nord Italia di altre 11 vetture, tra cui una Maserati, una Porsche Panamera, una Volvo V60 e una Range Rover.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche