23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 14:25:17

Cronaca

Due pistole nella scarpiera. In manette


PULSANO – Un insospettabile operatore ecologico nascondeva due pistole in casa. Nicola D’Andria, quarantasette anni, nella tarda mattinata di ieri è stato arrestato nel corso di una operazione condotta dai carabinieri della stazione di Pulsano. Intorno alle 11 i militari dell’Arma diretti dal luogotenente Madia, hanno perquisito l’abitazione e dell’uomo e all’interno della scarpiera hanno rinvenuto due pistole con matricola limata: una calibro 38 e una calibro 22. Oltre alle armi sono state rinvenute e sequestrate munizioni.

Il netturbino incensurato è stato prima condotto in caserma e successivamente nel carcere di Taranto, a disposizione del magistrato di turno. Deve rispondere di ricettazione e detenzione illegale di armi e munizioni. Ora gli investigatori dell’Arma stanno accertando se il quarantasettene nascondesse le due pistole nella sua abitazione e per conto di altre persone. La calibro 38 e la calibro 22, tenute in ottimo stato, perfettamente funzionanti e pronte all’uso, saranno sottoposte a perizia balistica per accertare se siano state utilizzate in episodi criminosi verificatisi negli ultimi tempi tra il capoluogo ionico e i centri della provincia. Continuano quindi a circolare armi e purtroppo anche tra persone insospettabili. E nelle ultime settimane le forze dell’ordine stanno intensificando i controlli a caccia di armi della mala. L’ultimo sequestro di armi, a metà maggio, nella città vecchia di Taranto. Gli agenti in borghese della Squadra Mobile in un locale diroccato, nascosta in un intercapedine, hanno rinvenuto una busta di plastica con all’interno due pistole semiautomatiche con caricatori inseriti, entrambe calibro 7.65. Si tratta di una Beretta e di una Walter. All’interno della busta anche sessanta proiettili dello stesso calibro. Le armi ritrovate erano avvolte in dei panni di stoffa che ne garantivano la perfetta conservazione. Le due pistole sono state sottoposte a perizia balistica per accertare se siano state usate nel corso di agguati o di rapine avvenuti nel capoluogo ionico. Nella tarda mattinata di ieri l’ennesimo sequestro di pistole è stato eseguito, questa volta dai militari dell’Arma, in un centro della provincia tarantina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche