29 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 29 Novembre 2020 alle 15:43:40

Cronaca

Pass, stop di Stefàno a consiglieri e assessori


TARANTO – Consiglieri ed assessori, prossimi alla nomina, non hanno neanche avuto il tempo di festeggiare. La felicità, di chi sperava di poter continuare a sfrecciare impunemente sulle corsie preferenziali della città, è stata smorzata, nel giro di poche ore, dalla stoppata del sindaco. Nessuna deroga per i rappresentanti del Comune. Per loro, le corsie delimitate dalle strisce gialle, resteranno off-limits. L’ordinanza era stata stilata dalla direzione Polizia Municipale venerdì scorso. Dopo un periodo di sospensione dell’ordinanza che permetteva a consiglieri ed assessori comunali di transitare per le corsie preferenziali il provvedimento era pronto per essere riattivato proprio venerdì.

Difficile capire chi avrebbe usufruito di quel permesso visto che i consiglieri non sono ancora stati dichiarati eletti (in attesa degli accertamenti in corso nell’ufficio elettorale centrale, ndr) e per gli assessori si attendono segnali confortanti dal primo cittadino. In attesa di capire a chi sarebbe servita, quell’ordinanza è approdata all’attenzione di Stefàno. A spiegare com’è andata è il Comandante della Polizia Municipale Michele Matichecchia. “Consiglieri e assessori avevano il permesso per circolare sulle corsie preferenziali – dichiara il dirigente – un provvedimento che però abbiamo sospeso all’inizio del 2012. Abbiamo già preparato il nuovo regolamento che dovrà essere discusso e approvato dal Consiglio comunale. Al momento però il Consiglio non si è ancora insediato. Per questo avevamo deciso di ripresentare la vecchia ordinanza”. Un provvedimento che è stato però stoppato da Stefàno. “Il sindaco ha deciso di bloccare quella ordinanza credo venerdì stesso – spiega il Comandante della Polizia Municipale Michele Matichecchia. Mi è sembrato di capire che non voglia concedere i permessi a consiglieri e assessori. Comunque, nei prossimi giorni, cercheremo di vagliare attentamente la vicenda per studiare possibili soluzioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche