15 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Aprile 2021 alle 13:32:53

Cronaca

Schianto sul rondò. Muoiono 2 ragazzi


TARANTO – Sono morti insieme. All’ultima curva della loro giovane vita. Dopo l’ennesima serata dedicata all’amicizia. A parlare di tutto e di niente. A ragionare del mondo, di progetti, di calcio e di musica. Una serata qualunque, tra amici per la pelle. In cui per fare festa basta una risata e una birra. Ma la vita di Marco Lospinuso e Gianluca La Gioia, si è spezzata su quella curva. Vicino ad un rondò. Una delle tante rotonde sbucate come funghi negli ultimi anni per regalare maggiore sicurezza e scongiurare tragedie come quelle della scorsa notte. Sarà pure così, ma il sorriso di questi due ragazzi si è spento proprio lì, dove la strada che collega Taranto a San Giorgio si allarga per fare spazio alla larga rotonda in cemento. Sulla statale sette, dove incrociano le strade che portano a San Giorgio e a Taranto.

Alle tre di notte su quella piazzola si è schiantata la Renault Clio di Marco. Come avveniva spesso proprio lui, ieri sera, aveva imbarcato Gianluca ed il terzo amico, di diciassette anni. Erano un trio che tutti raccontano inseparabile. “Volevano stare insieme a fare festa” dice in lacrime un amico fuori dall’obitorio, da dove trasuda dolore e strazio. Quella festa, purtroppo, è finita in tragedia nel cuore della notte. L’allarme è scattato intorno alle 3. Quando gli automobilisti di passaggio hanno visto volare fuori strada quella Clio, che si è ribaltata per due volte, finendo in un terreno vicino. E’ bastato guardare quella macchina ridotta a poco più di un rottame fumante per comprendere l’enormità del dramma. Sul posto si sono fiondati i vigili del fuoco, i carabinieri della compagnia di Martina Franca e della stazione di San Giorgio Jonico. Oltre alle ambulanze del 118. I vigili del Fuoco hanno dovuto lavorare a lungo per estrarre dalle lamiere contorte della macchina i corpi dei tre ragazzi. Per Marco Lospinuso, che era alla guida della vettura, e Gianluca La Gioia che era al suo fianco non c’è stato nulla da fare. Sono deceduti sul colpo nel violento impatto. Purtroppo le lamiere della Clio li hanno schiacciati contro i loro sedili, uccidendoli. I sanitari del 118 hanno subito soccorso anche il diciassettenne M.D, l’unico sopravvissuto della compagnia. Lo hanno caricato sulla barella e lo hanno trasportato d’urgenza all’ospedale. Al Ss. Annunziata è stato medicato ed è stato immediatamente sottoposto ad interventi chirurgico. I medici hanno dovuto asportargli la milza. Ora è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di medicina. Le sue condizioni, però, lasciano ben sperare. Sul posto, invece, sono partiti i rilievi dei carabinieri per comprendere la dinamica della tragedia. Troppo presto per tirare qualsiasi tipo di conclusioni. Comunque inutili per Marco e Gianluca. E senza senso per chi oggi piange la loro morte.

Mario Diliberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche