Cronaca

Videopoker illegali. I parenti chiamano. La Polizia risponde


TARANTO – Tre videopoker sequestrati e 8mila euro di multa. I controlli della Polizia ai circoli ricreativi di Talsano sono scattati ieri ed hanno colto nel segno. A dare la stura all’operazione sono state le segnalazioni di alcuni parenti di “giocatori” incalliti. Le ”macchinette mangiasoldi” hanno, in alcuni casi, ridotto sul lastrico intere famiglie. Le stesse che ora hanno deciso di non restare a guardare ma di muoversi per arginare una dipendenza che può diventare davvero pericolosa. Gli agenti della divisione di Polizia Amministrativa, hanno messo sotto chiave tre videopoker illegali ed hanno elevato sanzioni amministrative al responsabile di un circolo per circa 8.000 euro.

Nel corso del controllo, gli agenti, giunti davanti ad un circolo ricreativo, hanno notato un locale attiguo dotato di porta blindata che al momento era chiusa a chiave. Durante l’ispezione, analizzando la planimetria dei locali, i poliziotti hanno riscontrato anche la presenza di un altro ambiente adiacente al circolo la cui entrata corrispondeva esattamente alla porta blindata notata in precedenza. I poliziotti hanno dunque chiesto le chiavi di quella porta ma il proprietario, palesemente imbarazzato, ha dichiarato di non esserne in possesso. Nonostante le risposte evasive del responsabile, gli agenti, presupponendo che all’interno di quel locale potesse essere custodito qualcosa di illegale, hanno avviato una minuziosa ispezione, nel corso della quale, è stata individuato, nascosto sotto un quadro, un foro nella parete dal quale era possibile vedere l’interno della stanza attigua. A quel punto i poliziotti hanno avuto modo di notare, tre videopoker perfettamente funzionanti. Messo davanti all’evidenza dei fatti, l’uomo ha quindi consegnato agli agenti le chiavi della porta blindata. Quindi, dopo aver avuto accesso alla stanza, i poliziotti hanno sequestrato le “macchinette mangiasoldi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche