25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 19:57:00

Cronaca

Al via gli esami di maturità, sono 5600 gli studenti tarantini che affrontano la prima prova scritta

Consueto toto-tracce alla vigilia. Ma la vera incognita è il futuro


Al via, per cinquemilacinquecentonovanta studenti tarantini, gli esami di maturità.

Si parte oggi, mercoledì 22 giugno, con la prima prova scritta di italiano, si prosegue giovedì 23 giugno con il secondo test su una materia scelta dal Ministero dell’Istruzione, divisa per licei ed istituti e si conclude con la terza prova. In quest’ultimo caso le scelte non sono del Miur, ma degli istituti scolastici.

Sulle tracce del tema che impegnerà le conoscenze e le abilità linguistiche di oltre 500 mila studenti in tutta Italia, non mancano, come ogni anno, le ipotesi. Tra l’attualità, il saggio breve, il tema storico e l’analisi del testo (le quattro possibilità a disposizione dei maturandi), potrebbero spuntare i nomi di Pirandello (80esimo anniversario della morte) e Montale. Altri argomenti potrebbero essere il disastro di Chernobyl, del quale ricorre il trentesimo anniversario, i settanta anni della Repubblica italiana e del Fondo Nazioni Unite per l’Infanzia, meglio conosciuto come Unicef.

Quattrocento anni fa, inoltre, moriva il più grande drammaturgo di tutti i tempi: William Shakespeare. Per restare invece in Italia, 150 anni fa nasceva il filosofo e padre della Repubblica, Benedetto Croce, autore tra l’altro del manifesto degli intellettuali antifascisti. C’è anche chi sostiene che la scelta del Ministero potrebbe cadere, per la prima prova scritta, sul nome di Umberto Eco. Lo scrittore, filosofo e semiologo è scomparso lo scorso febbraio.

Non resta che apettare qualche minuto, per vedere quante e quali di queste ipotesi avrà avuto un riscontro nelle scelte del Miur. L’inizio della prova è fissato alle 8.30, la sua durata massima è di sei ore. Ultimi sforzi dunque, prima di rivolgere lo sguardo al futuro. Un’incognita decisamente più grande del tema di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche