Cronaca

Il pirata della strada rimane in carcere

Il Gip ha convalidato il provvedimento restrittivo


Rimane in carcere il pirata della strada che con un’auto furgonata ha travolto e ucciso la 41enne Rosa Secci.

Il gip ha convalidato il provvedimento restrittivo. L’uomo che ha 35 anni ed è di nazionalità rumena era stato fermato dai carabinieri della Compagnia di Taranto perchè ritenuto l’autore dell’omicidio stradale di Rosa Secci avvenuto il 16 giugno scorso. La donna stava attraversando la strada in via Cariati quando è stata investita da una Renault Kangoo poi ritrovata dai carabinieri in una via del quartiere Borgo.

Il conducente non si era fermato a soccorrere la donna. La vettura era priva della targa anteriore e presentava vistose ammaccature sul paraurti e sul parabrezza anteriore. La targa era stata rinvenuta in una strada non lontana dal luogo dell’incidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche