Cronaca

Falsi incidenti, preso ex avvocato

Denunciato dalla Gdf un tarantino già sospeso dall’ordine per reati analoghi


PESARO – Un avvocato tarantino, già sospeso dall’ordine, e un legale di Fano sarebbero i capi di una associazione specializzata nell’organizzazione di falsi incidenti stradali sgominata dai finanzieri dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Pesaro. Le Fiamme Gialle hanno denunciato  212 persone, tra cui avvocati, medici e infermieri compiacenti, e accertato 79 falsi incidenti.
In quattro anni sono state avanzate richieste di risarcimento danni per circa un milione di euro e liquidazioni di indennizzi per oltre 600mila euro per traumi inesistenti o provocati da altre cause. Le indagini condotte anche con intercettazioni hanno consentito  di individuare l’organizzazione con a capo l’avvocato di Fano iscritto al Foro di Pesaro,  l’ex avvocato originario di Taranto, già sospeso dall’ordine e noto per precedenti analoghi e un faccendiere residente nel Pesarese, i quali si sarebbero avvalsi della connivenza di personale medico di un centro diagnostico di Fano e dei responsabili di un’agenzia di disbrigo pratiche. In particolare i raggiri avvenivano attraverso una meticolosa organizzazione di un falso incidente con feriti oppure, in altri casi, solo attraverso la compilazione della constatazione amichevole. Nella maggior parte delle volte venivano coinvolte persone in difficoltà economica. Gli indagati procedevano alla sottoscrizione di polizze Rca con varie compagnie, a cui seguiva così la pianificazione dell’incidente attraverso quattro metodi: la simulazione su strada, effettuata con mezzi già danneggiati; la costruzione di un doppio incidente attraverso la denuncia dello stesso fatto a più compagnie assicurative utilizzando gli stessi  dati e invertendo i ruoli delle persone coinvolte; la compilazione della sola constatazione amichevole, in assenza di un incidente realmente accaduto e l’inserimento successivo, di uno o più passeggeri feriti in un incidente realmente avvenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche