Cronaca

Scene di ordinaria inciviltà

Cassonetti svuotati sui marciapiedi in via Japigia; rifiuti sulla spiaggia in viale del Tramonto


TARANTO – Altro che città turistica! A Taranto ci sono persone lontanissime dalla soglia minima di civiltà. Stamattina un quadro davvero sconfortante si è presentato agli occhi di commercianti e abitanti nella zona di via Japigia. 

Agli angoli di via Diego Peluso e via Temenide alcuni cassonetti sono stati svuotati e tutti i rifiuti sono stati sversati sui marciapiedi. Presumibilmente l’azione degli incivili è stata compiuta fra la tarda serata di ieri e le prime luci di stamattina. Alcuni commercianti volenterosi hanno provato a riporre il possibile nei cassonetti. è stata anche informata la Polizia Locale. Chissà se la eventuale presenza di telecamere di sorveglianza possa essere d’aiuto a smascherare gli autori di tanto squallore. Altra situazione in riva al mare. Sabato sera cena a due passi dal mare. I rifiuti? Restano sulla spiaggia. 

La segnalazione arriva da San Vito dove, in viale del Tramonto, si è consumato l’ennesimo episodio di inciviltà. La segnalazione arriva da un nostro lettore che domenica mattina si è imbattutto nei cumuli di rifiuti sparsi per la spiaggia. «Non è possibile lasciare montagne di spazzatura dopo aver trascorso la serata in spiaggia. L’opera del personale impiegato nella cooperativa L’Ancora ha permesso di ridare dignità a quel pezzo del litorale tarantino ma sarebbe opportuno che le famiglie raccogliessero i propri rifiuti in una busta per poi depositarla negli appositi contenitori sparsi sulla sabbia. In questo modo nessuno avrà più alibi per abbandonare sulla spiaggia i resti del proprio pic-nic». 

Sotto accusa anche la mancata osservanza delle norme del codice della strada. «Da quest’anno è stato istituito un solo senso di marcia per le auto ma nonostante ciò molti automobilisti non lo rispettano con il rischio di provocare incidenti gravi. In questo caso sarebbe gradita la presenza in zona di pattuglie di vigili urbani. Una circostanza che potrebbe fungere da deterrente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche