18 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Maggio 2021 alle 08:41:07

Cronaca

Commercianti minacciati per 13 anni. Preso ambulante

Un venditore ambulante di pesce è stato arrestato per estorsione aggravata


LIZZANO – Un venditore ambulante di pesce arrestato per estorsione aggravata e continuata ai danni di due coniugi che commerciano prodotti ittici.
I militari della Stazione di Lizzano, al termine di una rapida attività d’indagine, hanno fermato Costantino Bianchini, trentaseienne già noto alle forze dell’ordine.
L’uomo ieri mattina ha minacciato di morte i due commercianti imponendo loro di aumentare il prezzo della merce, al fine di trarre un ingiusto profitto ed estro­metterli dal mercato.
La coppia ha trovato il coraggio di denunciare l’accaduto ai carabinieri della Stazione di Lizzano, i quali hanno accertato che il trentaseienne e, condannato per associazione di stampo mafioso,  da ben tredici anni minacciava i commercianti di prodotti ittici e che quello  avvenuto ieri era solo l’ultimo degli episodi di intimidazione.
Costantino Bianchini è stato dichiarato in arresto e al termine delle formalità di rito, come disposto dal magistrato di turno presso il tribunale  del capoluogo jonico, il dott. Maurizio Carbone, è stato trasferito nella la casa circondariale di Taranto, in attesa dell’udienza di convalida del provvedimento restrittivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche