Cronaca

Coppie di fatto, ecco i registri tarantini

Anche i cittadini dello stesso sesso potranno regolarizzare la loro convivenza


Anche Taranto avrà un registro delle coppie di fatto.

Nei giorni scorsi, infatti, la direzione Risorse Umane Servizi Demografici del Comune ha avviato le procedure per l’isituzione del servizio specifico, presso le circoscrizioni cittadine, relativo alle convivenze di fatto. Il provvedimento adottato dall’Amministrazione comunale arriva dopo il via libera alla legge n. 76 dello scorso 20 maggio sulla “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”.

Per la presentazione delle domande riguardanti la costituzione di una unione civile, fra persone dello stesso sesso, sarà necessario attendere l’emissione del decreto di attuazione della legge, che conterrà le disposizioni di dettaglio, per tutti i comuni italiani, sulle modalità di iscrizione. Nel frattempo, parte l’iter per la registrazione delle convivenze di fatto, valide anche per le coppie dello stesso sesso.

«Le coppie tarantine che intendono regolamentare le loro convivenza e, quindi, ottenere uno stato di famiglia unico potranno fare istanza direttamente agli uffici delle circoscrizioni presenti su tutto il territorio».

A spiegare nel dettaglio l’iter necessario ad ottenere il certificato di convivenza è la dottoressa Lucrezia Nocco, figura storica degli uffici comunali di Taranto, responsabile dell’Anagrafe e, più in generale, del settore Servizi democrafici. «Dopo aver ricevuto la richiesta da parte di una potenziale coppia di fatto, partono i controlli di routine necessari a verificare l’effettiva convivenza, al domicilio indicato, dei richiedenti. Ai fini dell’ottenimento del certificato di residenza anagrafica sarà possibile presentare anche un semplice contratto, autenticato da un notaio o da un legale, e trasmesso ai nostri uffici».

E, riguardo ai tempi di attuazione «stiamo elaborando i modelli riguardanti l’istituzione delle convivenze di fatto, sia per l’annullamento delle stesse. Nelle prossime ore invieremo tutta la documentazione alle circoscrizioni. Da lunedì – spiega la dottoressa Nocco – saremo operativi. I tarantini che intendono regolarizzare la loro convivenza potranno recarsi direttamente negli uffici circoscrizionali di Taranto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche