Cronaca

I fidanzatini chiamano e tornano a casa


SAVA – Felicità e sollievo per due famiglie che dopo quasi 20 giorni hanno riabbracciato i loro ragazzi. Sono tornati a casa Christian Bisci e Valentina Palombella, i fidanzatini che erano fuggiti insieme il 4 giugno. Sono state settimane di angoscia e disperazione per i genitori, neanche una telefonata per sapere che i loro “bambini” stavano bene. Diciotto anni lui, solo quindici lei, due ragazzini con un primo amore che deve essere sembrato più forte di tutto e tutti. Sono andati via per stare da soli, lontano dai “grandi”, solo loro due. Non avranno pensato alla preoccupazione delle loro famiglie, nella loro testa solo il pensiero di stare insieme.

Sono stati i carabinieri a ritrovare la coppietta a Brindisi, grazie alla segnalazione di una signora. Sembra che i ragazzi fossero ospiti di un amico maggiorenne di Christian. Una situazione che è sfuggita di mano ai fidanzatini quando hanno visto i carabinieri sulle loro tracce e i loro nomi e volti sulle pagine dei giornali. Capendo di averla “fatta grossa” ieri sera hanno telefonato ai genitori, che li hanno subito raggiunti a Brindisi. Insieme hanno fatto ritorno a Sava (paese di Christian, Valentina è invece di Lizzano), nella caserma dei carabinieri. Era stato proprio il sindaco di Sava, Dario Iaia, a lanciare un appello ai media nella giornata di ieri, incitando i ragazzi a tornare a casa. La loro sembra sia stata la tipica “fuitina”. Sembra che non si tratti della prima volta che i due ragazzi si allontanano da casa per poter vivere tranquillamente il loro amore. Ma questa volta dopo aver visto la loro foto scattata una sera qualunque sui giornali e dopo aver letto le loro descrizioni divulgate per ritrovarli, i due ragazzi si sono resi conto di aver davvero esagerato.

Alessandra Macchitella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche