14 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Maggio 2021 alle 19:15:24

Cronaca

Porto, recuperata la gru crollata in mare nel 2014

La struttura collassò improvvisamente, finendo in mare e trascinando con sé anche due operatori


Sono terminati i complessi lavori di recupero della gru DM7 crollata in mare la sera dell’11 dicembre del 2014, data in cui l’infrastruttura collassò improvvisamente, finendo in mare e trascinando con sé anche due operatori.

Le operazioni di salvataggio dei due operatori furono dirette dalla Capitaneria di Porto di Taranto con l’intervento immediato di uomini e mezzi della Guardia costiera che, anche grazie alla collaborazione dei piloti e ormeggiatori del porto di Taranto, riuscirono a trarre in salvo i malcapitati. Il recupero della gru è stato effettuato dalla società Micoperi, ditta specializzata all’avanguardia europea, incaricata delle operazioni, che ha comunicato all’Autorità marittima il termine dell’attività dopo un periodo di lavoro durato alcuni mesi.

Tutte le operazioni, a cominciare dalla delicata fase di progettazione degli interventi, sono state svolte sotto il costante controllo e con la diretta collaborazione della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Taranto che ha operato una attenta valutazione delle attività necessarie nelle singole fasi delle operazioni, adottando, di volta in volta, i provvedimenti, anche di natura regolamentare, resi necessari dalle particolari condizioni di lavoro, oltre ad assicurare una costante vigilanza via terra e via mare in ordine al regolare svolgimento delle attività.

La perfetta riuscita della delicata operazione, eseguita anche con l’ausilio di sommozzatori e tecnici specializzati della Micoperi è stata possibile grazie anche alla professionalità e alla perfetta sinergia determinatasi tra gli equipaggi della Micoperi, i piloto del porto, gli ormeggiatori ed i rimorchiatori. E’ stata così restituita al porto e alla città di Taranto una importante area operativa commerciale, che è funzionale allo svolgimento delle attività ed delle operazioni portuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche