19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 07:17:57

Cronaca

Maxi rissa con sparatoria. C’è un fermo


TARANTO – E’ stato fermato dai carabinieri il presunto autore del ferimento, a colpi di pistola, del 36enne sangiorgese Cosimo Marinelli. Si tratta di Salvatore Presta, cinquantenne con precedenti penali, residente a Carosino. Secondo gli investigatori dell’Arma sarebbe stato lui ad esplodere le tre pistolettate durante una maxi rissa scoppiata nei pressi di un chiosco bar, in via Moscatelli. Il movente non è ancora certo ma potrebbe essere legato a fatti di droga o a contrasti di natura personale. I carabinieri diretti dal capitano Francesco Buconi e dal tenente Francesco Bagnolo e coordinati dal pm, dottoressa De Luca, hanno ricostruito l’accaduto dopo aver ascoltato diversi testimoni. Il primo intervento nella notte tra mercoledì e giovedì dopo che una donna che abita nella zona ha telefonato al 122. “Correte c’è una gigantesca rissa”.

Durante la telefonata il centralinista dei carabinieri ha anche sentito, in diretta, i colpi di pistola. Durante la zuffa ad avere la peggio è stato Cosimo Marinelli, il quale è stato centrato da un proiettile alla coscia. E’ stato accompagnato da un amico all’ospedale di Grottaglie e successivamente trasferito al “Giannuzzi” di Manduria dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Una vota in via Moscatelli i carabinieri hanno ascoltato numerose testimoni alcuni dei quali sono apparsi reticenti. Hanno accertato che la rissa alla quale avevano partecipato almeno quindici persone era stata preceduta da una scazzottata tra due giovani. Botte da orbi forse per troppo alcool. A distanza di una ventina di minuti la gigantesca zuffa e i tre colpi di pistola, uno dei quali ha raggiunto Marinelli. In un primo momento i sospetti si sono concentrati su un giovane di San Giorgio Jonico, con precedenti per droga, ma grazie ad una serie di riscontri il cerchio si è stretto attorno al cinquantenne Salvatore Presta. Secondo i militari dell’Arma non avrebbe partecipato alla rissa ma sarebbe intervenuto in un secondo momento facendo fuoco contro Marinelli. In attesa che l’uomo sia interrogato dal gip gli investigatori stanno cercando la pistola, una calibro 6.35.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche