Cronaca

Terrorismo, scatta l’allerta. Anche senza passeggeri

Nel porto di Taranto intensificati da tempo i controlli


Terrorismo, l’allerta nello scalo tarantino è stato elevato da tempo ma non per il traffico passeggeri che notoriamente ad oggi non esiste e partirà solo nel 2017.

La Capitaneria di Porto di Taranto ha da tempo intensificato i controlli nelle zone di mare e precisamente dopo i vertici sull’argomento tenuti in prefettura dal Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Quindi la Capitaneria di Porto di Taranto continuerà nella sua attività di prevenzione con controlli in mare e lungo le coste. L’allerta terrorismo è stato, invece, innalzato nei porti italiani destinati al traffico crocieristico e passeggeri.

A tal proposito c’è una nota del comandante generale della Guardia costiera, ammiraglio Vincenzo Melone, che è stata trasmessa a tutte le Capitanerie di Porto con l’ordine di elevare a 2 (su una scala di 3) il “livello di security”. E’ scattata, quindi, una ulteriore intensificazione dei controlli che comunque vengono già effettuati su persone e veicoli in fase di imbarco, attraverso delle modalità che saranno definite in base ai piani di sicurezza già esistenti nei porti italiani. Le nuove disposizioni prevedono maggiori controlli ai varchi portuali, il controllo una percentuale più alta di veicoli e passeggeri e un monitoraggio più accurato di tutte le aree dei porti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche