Cronaca

In fumo 50 ettari di pineta


PALAGIANO – E’ stato finalmente domato l’incendio divampato ieri mattina a Chiatona. Ma i vigili del fuoco, gli uomini dell’ Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali e del Corpo Forestale continuano a sorvegliare la zona per scongiurare il pericolo di nuovi focolai. Il rogo ha interessato la pineta di Chiatona, a Palagiano. Cinquanta ettari di pineta sono stati bruciati nel rogo, che ha colpito la zona verde della riserva di Marziotta. L’incendio, molto probabilmente di natura dolosa, si é sviluppato ieri mattina. Sul posto sono intervenuti gli uomini del Corpo forestale dello stato coordinati dal Comandante regionale Silletti, i Carabinieri, la Polizia di stato, i Vigili urbani e gli operai dell’Arif.

Tante le forze impiegate per arginare il “mostro di fuoco” che stava distruggendo uno dei patrimoni boschivi pugliesi. Sono stati impiegati anche quattro velivoli Fire Boss e un Canadair, ma solo dopo ben 230 lanci di acqua sono riusciti a contenere le fiamme. Nonostante l’intervento tempestivo e massiccio, 50 ettari di pineta sono andati in fumo. L’area si é mostrata nella sua devastazione già nelle prime ore della serata. Vegetazione morta, nero e puzza di bruciato hanno preso il posto di uno scenario verde. Per tutta la notte la zona é stata pattugliata e tutt’ora ci sono i presidi del Corpo forestale dello Stato e degli operai statali e regionali. L’importante adesso é evitare che si creino altri focolai nella pineta. Sono in corso anche le indagini da parte degli uomini del Corpo forestale per cercare gli eventuali colpevoli o il punto di innesco. Bisogna capire come é nato l’incendio e se esiste un responsabile. Il Corpo forestale dello stato continua la sua battaglia nella lotta e prevenzione degli incendi boschivi. Per questo invita a segnalare al numero verde nazionale 1515 gli avvistamenti di incendi nei boschi o nelle vicinanze o autoveicoli, piromani e persone che con comportamenti sbagliati mettono a rischio il patrimonio boschivo nazionale.

A.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche