29 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 29 Ottobre 2020 alle 13:43:57

Cronaca

L’omicidio stradale raccontato ai più giovani

In prefettura gli studenti dei licei tarantini e le forze dell’ordine


“Testimonianze e precedenza alla vita” è il titolo del convegno che si è tenuto, ieri mattina, in Prefettura. Voluto dal prefetto Umberto Guidato, che ha accolto la proposta del presidente provinciale dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada, il convegno rivolto essenzialmente ai giovani al fine di sensibilizzarli alla cultura della prevenzione stradale anche alla luce della vigente normativa che da poco annovera il reato di “omicidio stradale”.

Infatti, a partecipare sono stati gli studenti del Liceo Scientifico ‘“Battaglini”, del Liceo delle Scienze Umane “Vittorino da Feltre” e del Polo Commerciale “Pitagora” di Taranto. Presenti anche i vertici provinciali delle forze dell’ordine e i sindaci della provincia insieme ai comandanti delle polizie locali. Dopo i saluti del Prefetto, ad affrontare i vari aspetti dell’argomento sono stati il dirigente della Polizia Stradale ed i rappresentanti dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada. Gli allievi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Giovanni Paisiello” hanno affrontato il tema da un punto di vita musicale con brani che inneggiano alla vita.

Intanto nell’ambito delle iniziative sul tema dell’educazione stradale, di intesa con l’Amministrazione Comunale e l’Ufficio Scolastico Territoriale, nell’Aula Magna della Sede Centrale, una folta rappresentanza degli studienti dell’I.I.S.S. “A. Pacinotti” ha partecipato alla conferenza “Il casco può salvarti la vita”, durante la quale è stata posta particolare attenzione all’uso del casco protettivo alla guida di ciclomotori e motoveicoli. Dopo il saluto del sindaco di Taranto Ippazio Stefàno, e della professoressa Adriana Chirico, in rappresentanza del dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale, il capitano Raffaele Maragno, in rappresentanza del corpo dei Vigili Urbani, ha illustrato attraverso la proiezione di un video, i diversi aspetti inerenti la prevenzione legata agli incidenti stradali causati da una mancata osservanza delle regole della strada.

Ha concluso il dott. Giovanni Battista Costella, primario di neurochirurgia dell’ospedale “SS. Annunziata” di Taranto, che ha descritto i gravi danni causati alla salute dagli incidenti, in particolari da quelli derivanti dal mancato uso del casco protettivo alla guida di ciclomotori. I lavoratori sono stati avviati dal dirigente scolastico, dott. Vito Giuseppe Leopardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche