12 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 06:11:00

Cronaca

Arrestati due “caporali”. Sul furgone con 9 braccianti

Presi un 59enne ginosino e una romena


Presi due presunti caporali.

I carabinieri della Compagnia di Castellaneta insieme ai loro colleghi della Stazione di Marina di Ginosa hanno arrestato con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro nei campi, Vincenzo Bulfaro, 59enne di Ginosa e una 48enne di nazionalità rumena. I militari dell’Arma hanno notato un furgone Fiat Ducato con a bordo circa dieci persone al confine tra Ginosa Marina e Laterza. Sospettando che il conducente stesse trasportando illegalmente braccianti agricoli hanno deciso di bloccare il furgone ed eseguire un controllo più accurato.

E’ emerso che a bordo del veicolo vi erano, oltre al conducente 59enne e alla 48enne, nove braccianti di nazionalità romena, 5 uomini e 4 donne. I lavoratori trasportati sul furgone hanno riferito ai carabinieri di essere stati reclutati dal conducente e dalla loro connazionale, che provvedevano, con sistematicità, al loro trasporto sul luogo di lavoro in cambio di una somma di denaro che variava dai 2 ai 3 euro a persona.

I militari avendo ormai una visione chiara di quelle che erano le responsabilità del 59enne ginosino e della sua collaboratrice, dopo aver informato il pm di turno li hanno dichiarati in arresto per “intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro” e su disposizione dell’autorità giudiziaria , li hanno accompagnati presso le rispettive abitazioni dove dovranno rimanere ai “domiciliari”. Il furgone Fiat Ducato, è stato sequestrato e affidato ai responsabili della Depositeria Giudiziaria. Sono in corso accertamenti per verificare in quali aziende e con quali modalità di ingaggio siano stati impiegati i braccianti di nazionalità romena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche