20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 09:21:31

Cronaca

Beccato il maniaco del “laser”


TARANTO – Aspettava, a bordo della sua Megane grigia. Fermo agli incroci della statale 172, la Taranto-Martina, personalissimo terreno di caccia. Quando arrivava la preda, una donna sola al volante, entrava in azione. Ed erano momenti di paura, per le vittime, inseguite, fermate e molestate. Adesso, il maniaco del laser è stato denunciato. Una storia che comincia due anni fa, nell’estate del 2010, ed attraversa i comuni di Taranto, Martina, Statte e Crispiano, sempre sulla 172. E’ qui che si sono verificati diversi episodi di molestie a donne sole che, alla guida delle proprie auto, transitando si vedevano improvvisamente inseguite da un’automobile – sempre una Megane grigia – il cui conducente, con manovre pericolose, tentava di bloccarle, riuscendovi in molti casi.

In tutti gli episodi accertati, però, le donne – sebbene terrorizzate – sono riuscite ad intuire le intenzioni dell’uomo, riuscendo a scappare. Il maniaco si appostava agli incroci delle complanari. Agiva quando era già buio, tra le sei e le dieci di sera; in quasi tutti i casi, oltre ad avere quasi sempre un berretto con visiera e occhiali da sole, utilizzava una torcia luminosa molto potente, forse a led, che puntava sul volto delle donne al volante, intimorendole oltre ad accecarle. Durante le fasi dell’inseguimento e una volta bloccata l’auto della sua vittima, urlava di fermarsi, minacciando le malcapitate anche di morte, spacciandosi talvolta per un finanziere, in molti casi spogliandosi completamente, sino a mostrare le parti intime. Sono stati i carabinieri della Stazione di Crispiano, sulla scorta degli elementi raccolti forniti dalle vittime e da alcuni cittadini che avevano segnalato la presenza di una persona sospetta aggirarsi nei pressi dello svincolo della 172 con la provinciale 45 a bordo di una Renault Megane di colore grigio (il modello indicato anche da alcune delle vittime), hanno avviato le indagini, riuscendo, non senza difficoltà, ad identificare il molestatore, scoprendo che si tratta di un uomo residente nel brindisino, di 45 anni, che è stato denunciato per atti osceni, minacce e molestie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche