13 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Giugno 2021 alle 08:02:35

Cronaca

E’ morto il carabiniere tarantino colpito alla nuca da un proiettile

Si è spento nel pomeriggio di domenica all'ospedale di Brindisi


Ha lottato disperatamente, ma non ce l'ha fatta. Il carabiniere tarantino ferito alla nuca nel corso di una gara del campionato italiano di tiro dinamico, si è spento nel pomeriggio di domenica all’ospedale Perrino di Brindisi.

Il capitano dei carabinieri Gianbruno Ruello, 48 anni, di Taranto, si è dovuto arrendere alla ferita provocata dal colpo di pistola partito da una calibro 9×21 sabato mattina a Oria.

La procura di Brindisi, intanto, ha avviato le indagini per accertare eventuali responsabilità. L'ipotesi è quella di omicidio colposo. Il poligono di tiro in cui si sono verificati i fatti è stato sottoposto a sequestro dai carabinieri.

Secondo una primissima ricostruzione della dinamica dei fatti, il colpo mortale potrebbe essere stato esploso da un altro concorrente e, di rimbalzo, avrebbe raggiunto lo sfortunato militare tarantino che prestava servizio a Bari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche