20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 08:05:06

Cronaca

Travolto sul ponte. Caccia al pick-up


TARANTO – La polizia sta dando la caccia al conducente di un pick -up, di colore bianco, che si è dato alla fuga dopo aver travolto sul Ponte Punta Penna un motociclista. Il centauro tarantino, R.B. un operaio edile di cinquant’anni ha riportato la frattura di una gamba ed è finito in ospedale. Nei prossimi giorni potrebbe essere sottoposto a ad un intervento chirurgico dai medici del “SS. Annunziata”. L’incidente è avvenuto martedì scorso, alle 16.50, mentre il cinquantenne era alla guida della sua moto, una Piaggio Beverly 125, e stava percorrendo il Punta Penna in direzione centro.

Nei pressi di un cantiere, duecento metri prima di svoltare per Taranto Centro, un pick-up di colore bianco per poter immettersi sulla corsia di emergenza, in quanto c’era un traffico notevole, ha tagliato la strada al motociclista travolgendolo e facendolo cadere rovinosamente sull’asfalto. Anzichè soccorrere il centauro il conducente del pick -up si è allontanato a tutto gas sulla stessa corsia di emergenza. Automobilisti di passaggio, tra i quali c’era anche un amico del ferito, hanno soccorso il malcapitato motociclista conducendolo all’ospedale “SS. Annunziata”. La stessa vittima lancia un appello a eventuali testimoni, e a quanto pare erano numerosi, che alle 16.50 del 26 giugno stavano percorrendo quel tratto del Ponte Punta Penna. Una settimana prima sempre sul Ponte Punta Penna un’auto pirata aveva investito, ferendolo, un ciclista. La vittima un cinquantatreenne tarantino era stata travolta da una Opel Corsa. Un volo di qualche metro, la bici da corsa distrutta e la fuga dell’automobilista. Nella zona stava transitando una pattuglia della Polizia Stradale che aveva subito chiamato i soccorritori del 118 e si era posta alla ricerca dell’automobilista che si era dato alla fuga. Il ciclista era stato condotto all’ospedale “SS. Annunziata” ed affidato alle cure dei medici del pronto soccorso. A salvargli la vita il casco protettivo. Nel giro di poco gli agenti della Polstrada avevano rinvenuto la Opel Corsa che aveva investito il ciclista.Era stata abbandonata nel vicino quartiere Paolo VI. L’utilitaria, che tra l’altro non aveva copertura assicurativa, era stata posta sotto sequestro. Il conducente della vettura, che aveva preferito allontanarsi senza soccorrere il ciclista, era stato successivamente rintracciato e condotto negli uffici della Polizia. Era stato identificato e denunciato a piede libero per omissione di soccorso e lesioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche