Cronaca

Giovani giuristi crescono

“Scacco d’atto”: anche da Taranto a Strasburgo


I partecipanti del torneo di retorica forense “Scacco d’atto” 2015 sono stati in viaggio premio a Strasburgo per visitare le principali istituzioni europee, la corte europea dei diritti dell’uomo e il Parlamento europeo.

Diciotto giovani giuristi provenienti da diversi Fori italiani, hanno partecipato al viaggio offerto dagli organizzatori del torneo, le scuole forensi di Taranto, Cosenza, Castrovillari, Bari, Trani, Brindisi, Alto Tirreno (Pisa, Livorno, Massa e La Spezia). Nell’edificio con ampie vetrate che ospita la Cedu, la delegazione ha incontrato un giurista italiano, il dottor Federico Di Salvo, che insieme ad altri colleghi ha il compito di esaminare preliminarmente tutti i ricorsi provenienti dall’Italia che denunciano violazioni dei diritti dell’uomo.

Di Salvo ha spiegato gli ambiti d’intervento della corte (particolarmente toccanti le immagini di un video riguardanti le violazioni dei diritti umani su persone detenute o internate), descrivendo minuziosamente i meccanismi di funzionamento della Corte Europea, dalla fase dell’ammissibilità del ricorso a quella dell’assegnazione ai magistrati per la decisione finale.

Gli studenti delle scuole forensi in viaggio premio hanno anche fatto visita all’aula dove si riunisce la Grande Chambre della corte, attualmente presieduta dal giudice italiano Guido Raimondi. La delegazione ha poi fatto visita alle aule del Parlamento europeo, assistito ai lavori dell’adunanza plenaria durante la discussione su Schengen (per l’Italia interveniva l’onorevole Kyenge) e incontrato un funzionario italiano che ha spiegato i temi principali della legislazione europea, in particolare soffermandosi sui temi più attuali: le modifiche al trattato di Schengen e la regolamentazione giuridica di profughi e migranti.

“Un’esperienza importante e formativa che siamo felici di aver offerto ai giovani praticanti avvocati, – spiega il presidente dell’Ordine avvocati Vincenzo Di Maggio – è fondamentale avere cognizione di come funzionano istituzioni comunitarie importantissime per la professione forense e la vita dei cittadini. A metà giugno a Taranto ci riuniremo con le scuole forensi provenienti da tutta Italia per organizzare la seconda edizione di Scacco d’atto che si terrà in Toscana”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche