14 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Giugno 2021 alle 23:07:08

Cronaca

Le Rsu Steelservice: Ilva, no alla chiusura

Filcams Cgil: Si sta creando una situazione che non fa bene a nessuno


“Non fa bene a nessuno la situazione che si sta creando, perché dopo l’incidente è facile dire che l’Ilva deve chiudere”.

Lo dichiarano Gregorio Gennarini e Franco Granieri, Rsu della Filcams Cgil della Steelservice, l’azienda in cui lavorava Giacomo Campo. I lavoratori hanno deciso di dire la loro in merito al dibattito sul futuro dell’acciaieria: “E’ troppo semplice per il presidente della Regione sostenere che l’Ilva deve chiudere, perché a nessuno fa piacere lavorarci, eppure ci sono migliaia di famiglie che dipendono dall’acciaieria. Che fine faranno? Quali sono i progetti della politica in proposito? Non si parla di questo, eppure questo per noi è fondamentale. E poi non basta chiudere, perché servirà risanare, bonificare. In Europa si è riusciti a coniugare ambiente salute e lavoro, solo qui al Sud, in Italia, no. Perché? Ce lo chiediamo in continuazione noi che in Ilva ci veniamo a lavorare. Vorremmo conoscere qual è il piano per il futuro e vorremmo conoscerlo il più presto possibile”.

La morte del giovane operaio sollecita anche altri quesiti. Continuano Gennarini e Granieri: “Dopo quanto accaduto al nostro collega Giacomo Campo entriamo in stabilimento con più dubbi, perché quello che ieri davamo per scontato, in termini di sicurezza, ora non lo è più”. Infine, i due lavoratori della Steelservice fanno appello all’unità: “Da questa situazione si può venir fuori solo se si è tutti uniti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche