21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 07:06:02

Cronaca

Tasse alle stelle per i tarantini

A lanciare l’allarme sono i Giovani Cor: Ora basta, difendiamo la nostra autonomia


Tasse universitarie alle stelle.

A lanciare l’allarme sono i Giovani Conservatori e Riformisti che fanno il punto sui costi sostenuti dagli studenti tarantini per l’iscrizione ad uno dei corsi di laurea presenti sul territorio. «Volutamente, abbiamo voluto attendere per esprimerci poiché, conoscendo bene i meccanismi universitari, abbiamo cercato, inizialmente di risolvere la situazione all’interno del cda. Molti ragazzi, studenti tarantini e non, si sono ritrovati nella sezione pagamenti per le tasse universitarie, rate da più di 1.000 euro. Le cifre alte con i circa 1.200 euro massimi richiesti – spiegano dai Giovani Cor – sono frutto del “piano di rientro e di rilancio” dell’Università degli Studi di Bari, conseguenza di un disavanzo di amministrazione, che ha toccato per un biennio e mezzo tutte le parti dell’Università, dai docenti, ai ricercatori, al personale e, sfortunatamente, anche gli studenti. In Consiglio d’Amministrazione, con la nostra coalizione Up – Università Protagonista, siamo riusciti a proporre alcuni accorgimenti per non costringere i ragazzi ad andar via, decisione estrema ma alquanto realistica».

Secondo gli universitari, Taranto pagherebbe «proprio in questi momenti il fatto di essere una piccola realtà inserita all’interno dell’Università degli Studi di Bari, poiché in maniera del tutto oggettiva, non può avere lo stesso trattamento di un ateneo con 40.000 iscritti. È lo stesso principio per cui gli studenti pagano il Cus – Centro Universitario Sportivo, anche se a Taranto non esiste». Il rischio, secondo i Conservatori e Riformisti, è quello dover dire addio alle sedit tarantine dell’università. «Per quanto riguarda le tasse abbiamo cercato di risolvere nel migliore dei modi la situazione, prorogando e rateizzando ulteriormente, ma pare ovvio che Taranto necessita di una progettualità per l’università, altrimenti potremo dire addio ai sogni di gloria e ritornare a studiare a Bari.

«Sino a quando sarò ancora senatore accademico assicura Claudio Aurora dei Giovani Cor – cercherò di rendere sempre più fattibile l’autonomia amministrativa di Taranto, ma la mia priorità resterà quella di tenere aperta l’università perchè, di questo passo, potrebbe essere già quella una vittoria».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche