19 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Settembre 2021 alle 22:57:00

Cronaca

Una piazza che muore alle porte del Borgo

Baby gang e degrado alla Madonna delle Grazie


Potrebbe, anzi dovrebbe, essere uno dei luoghi di ritrovo per le famiglie nella città.

Non a caso, in epoca Di Bello, venne inaugurata in pompa magna. Oggi è completamente abbandonata, regno di baby gang e a suo modo triste simbolo del degrado che regna a Taranto. Benvenuti – si fa per dire – in piazza Madonna delle Grazie. Siamo alle porte del centro, da qui si passa per arrivare al salotto buono (anche qui, si fa per dire) della nostra città.

A pochi passi c’è via Cesare Battisti, arteria commerciale che dovrebbe essere tra le più importanti e frequentate. E da qui, da questa piazza di passaggio, e quindi importante, ci si rende conto della piega che il capoluogo ionico sta prendendo ormai da molto tempo. «Molti dei giochi per bambini sono stati divelti. L’erba non cresce più. Ma è di sera che piazza Madonna delle Grazie mostra il suo lato peggiore. Perchè – racconta un gruppo di residenti a Taranto Buonasera – nella zona spadroneggiano baby gang, e non solo, che quando va bene la trasformano in un piccolo stadio in cui le pallonate possono raggiungere anche chi prova ad avventurarsi portando con sè un passeggino. Ma può capitare» spiega una donna, «di diventare oggetto di insulti e volgarità; mentre a tarda ora musica di vario genere e dubbio gusto viene sparata a tutto volume».

Uno scenario che davvero lascia sconcertati. E rivolgendosi al nostro giornale, i residenti si rivolgono a chi di competenza, dall’amminitrazione comunale alle forze dell’ordine, perchè quella piazza ormai nel degrado non venga lasciata morire, e venga predisposto un più efficace sistema di controllo e di prevenzione a tutela dei cittadini. A completare il poco idilliaco quadro della zona, c’è la ex clinica Bernardini abbandonata, e l’ex hotel Taras tristemente murato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche